Dicembre 2, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Decine di migliaia di polacchi sono in strada dopo la morte di una donna incinta

Decine di migliaia di persone hanno manifestato sabato in tutta la Polonia in stato di shock dopo la morte, secondo le ONG per i diritti delle donne, vittime della legislazione in vigore dall’inizio dell’anno, che vieta quasi tutti gli aborti.

Isabella, 30 anni, che ha iniziato la gravidanza 22 settimane fa, è morta a fine settembre in un ospedale di Pszczyna in Slesia (sud).

Il feto è morto, il paziente è morto

I medici hanno aspettato che il feto morisse. Il feto è morto e il paziente è morto. shock setticoE l’avvocato della famiglia, Golanta Podzowska, ha scritto in un tweet, affermando che Isabella è stata la prima a perdere la vita a seguito della decisione della Corte costituzionale dell’ottobre 2020, entrata in vigore a fine gennaio.

Successivamente, il tribunale, con il sostegno del Governo di diritto e giustizia nazionale (PiS), ha vietato l’interruzione volontaria della gravidanza in caso di grave malformazione fetale, vietando qualsiasi aborto salvo nei casi di stupro, incesto o quando la vita della madre era in pericolo.

non più!Hanno applaudito migliaia di manifestanti a Varsavia che si sono radunati davanti alla sede del tribunale prima di dirigersi al Ministero della Salute.

Proteste simili si sono verificate in una settantina di altre città polacche.

Secondo una dichiarazione della sua famiglia, i medici dell’ospedale di Pszczyna”Adotta un atteggiamento attendista”, che Isabella ha interpretato come un desiderio da parte di quest’ultima di non dover abortire.

Chiunque, compresi i medici che aiutano a eseguire un aborto, è punito con una pena detentiva di tre anni.

READ  Naufragio nel Canale della Manica: Mary, 24 anni, voleva fare una sorpresa al fidanzato