Dicembre 6, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’UNICEF avverte: 120 bambini nelle incubatrici sono a rischio di morte a Gaza se Israele non lascia passare il carburante

L’UNICEF avverte: 120 bambini nelle incubatrici sono a rischio di morte a Gaza se Israele non lascia passare il carburante

La grave carenza di carburante nella Striscia di Gaza mette a rischio il funzionamento delle incubatrici per oltre 120 bambini prematuri, secondo un censimento pubblicato domenica dal Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) all’Agence France-Presse.

Dopo più di due settimane di guerra tra Hamas e Israele, gli ospedali negli angusti territori palestinesi si trovano ad affrontare una grave carenza di forniture necessarie per curare le migliaia di feriti che affluiscono presso di loro, avvertono le organizzazioni umanitarie. “Attualmente abbiamo più di 120 neonati nelle incubatrici, 70 dei quali sono sottoposti a ventilazione meccanica, e ovviamente siamo particolarmente preoccupati per loro.Lo ha detto all’AFP il portavoce dell’UNICEF a Gerusalemme, Jonathan Krekes.

Israele ha tagliato l’elettricità e sta rimanendo senza carburante

come conseguenza di “Sedile completoDue giorni dopo l’attacco senza precedenti di Hamas al paese, il 7 ottobre, Israele ha annunciato il taglio delle forniture di elettricità alla Striscia di Gaza. Quindi l’area utilizza prevalentemente generatori che necessitano di energia elettrica per funzionare, combustibile che non entra più.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto a Israele, durante una conferenza stampa giovedì a Ginevra, di consentirne la consegna come parte degli aiuti umanitari, di far funzionare i generatori ospedalieri e gli impianti di desalinizzazione dell’acqua.

“Piccole porzioni”

Ma se Israele darà il via libera agli aiuti umanitari, il primo lotto limitato dei quali è stato consegnato sabato dall’Egitto, il carburante sarà escluso. Sabato le Nazioni Unite hanno sottolineato la necessità di trasportare carburante a Gaza.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che gli ospedali di Gaza hanno già esaurito le loro riserve. “Ciò che rimane sono tracce di carburante“utente”Cercando disperatamente di risparmiare qualche giorno“Alimentazione aggiuntiva”Dove è possibile farloHa aggiunto Michael Ryan, direttore del Programma Emergenze Sanitarie dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

READ  La guerra in Ucraina: riconnessione della centrale nucleare di Zaporizhia alla rete elettrica

Altre riserve sono state assegnate ai generatori ospedalieri per mantenere le cure essenziali. I bambini prematuri vengono curati in sette unità neonatali in tutta la Striscia di Gaza. “Se vengono tenuti in incubatrici ventilate meccanicamente (incubatrici, ndr), dal momento in cui viene a mancare la corrente elettrica ci preoccupiamo della loro sopravvivenza.disse il signor Crekes.

Il Ministero della Sanità di Gaza, che è sotto il controllo del Movimento di Resistenza Islamica (Hamas), ha dichiarato sabato che 130 bambini prematuri sono nati prematuramente.In pericolo di morte“A causa della mancanza di carburante.

Bambini e donne incinte in conflitto

Circa 160 donne partoriscono ogni giorno a Gaza, secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, che stima anche che attualmente in questa zona vivano 50.000 donne incinte. La popolazione di Gaza, composta da 2,4 milioni di abitanti, si trova ad affrontare una grave crisi umanitaria.

Israele ha giurato a se stessoAnnientareE il movimento Hamas – classificato come organizzazione terroristica da Stati Uniti, Unione Europea e Israele – dopo l’attacco senza precedenti lanciato da questo movimento lo scorso 7 ottobre sul suo territorio, da Gaza.

Secondo le autorità israeliane, dal 7 ottobre più di 1.400 persone sono state uccise in Israele da Hamas, la maggior parte delle quali civili il primo giorno dell’attacco.
Secondo il Ministero della Salute guidato da Hamas, circa 4.400 palestinesi, la maggior parte dei quali civili, sono stati uccisi nei raid israeliani in corso su Gaza. Questo rapporto include 1.756 bambini.