Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’OMS rafforza le capacità degli attori nazionali attraverso seminari di comunicazione

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, in collaborazione con il Ministero della Salute, ha organizzato, dal 18 al 30 luglio 2022, un seminario di formazione sulla comunicazione di crisi e la partecipazione della comunità durante le emergenze di salute pubblica, nella città di Red Rider (Kodogo). La cerimonia di apertura di questo ciclo di formazione si è tenuta lunedì 18 luglio 2022 nella suddetta provincia.

Quali sono le prospettive per questo annuncio?

Negli ultimi 20 anni, il mondo ha dovuto affrontare malattie nuove o riemergenti. Il rischio di un’epidemia è in aumento. Le epidemie di colera, malaria, meningite e morbillo restano sfide importanti per i paesi.

Recenti emergenze di salute pubblica, come l’epidemia di malattia da virus Ebola in Africa occidentale (2015-2016), l’epidemia di malattia da virus Zika (2015-2016), la pandemia di COVID-19, vaiolo delle scimmie nel 2022 e focolai di febbre gialla e morbillo in diversi paesi africani hanno colpito diversi paesi africani. Evidenzia le sfide chiave e le lacune nella comunicazione del rischio durante una pandemia o altre emergenze di salute pubblica.

“L’obiettivo è gestire la formazione di una massa critica di operatori sanitari”

Alla luce di questi fatti, una comunicazione efficace, applicata strategicamente, è necessaria per influenzare gli aspetti comportamentali e sociali delle attività volte alla prevenzione e al controllo delle malattie.

« L’obiettivo è gestire la formazione di una massa critica, non solo degli operatori sanitari, ma anche di tutti i dirigenti che sono in contatto e che sono coinvolti nella gestione quando si presenta un problema di salute pubblica. Informa il dottor Coulibaly Seydou, rappresentante facente funzione dell’Organizzazione mondiale della sanità in Burkina Faso.

READ  Più di 600 pazienti sono in terapia intensiva

Dopo che la prima fase si è conclusa con successo, era di moda organizzare la seconda fase, in modo da potenziare le capacità degli attori a livello nazionale, per poter ottenere reazioni rapide di fronte alla situazione epidemica.

“La comunicazione è trasversale, e un’idea mal espressa può portare un operatore sanitario, ad esempio, a sbagliare”

Così, la componente di comunicazione, ancora una volta ha appena dimostrato che tutto ruota attorno ad essa. Da qui la partecipazione del ministro delle Comunicazioni, Valerie Kabore, a presiedere questa cerimonia.

« Sono a Kodogo perché il Ministero della Salute ha gentilmente collegato il mio dipartimento a un workshop organizzato con il supporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla comunicazione in un ambiente salubre. Questo perché hanno visto e penso che abbiano visto chiaramente l’importanza della comunicazione oggi in qualsiasi processo, in qualsiasi sistema messo in atto o già in atto.

Perché La comunicazione è trasversale, e un’idea mal espressa può portare un igienista, ad esempio, a sbagliare, o portare un paziente a tagliarsi la vita, quando avrebbe dovuto vivere più a lungo. Quindi c’è un equilibrio intelligente da prendere quando devi rivolgerti al pubblico, quando devi promuovere un processo, ad esempio, o diffondere la conoscenza della comunità medica.

C’è un sapiente mix di denuncia, di tecnologia, e deve essere concordato insieme tra gli specialisti, e penso che l’Organizzazione Mondiale della Sanità abbia fatto bene a venire a sostenere il Ministero della Salute, che si batte ogni giorno e che mette il la connessione è il fulcro di ciò che sta facendo. ‘, sostiene il capo del dipartimento di comunicazione.

Valerie Kabore, Ministro della Comunicazione, della Cultura, delle Arti e del Turismo

Pertanto, per un periodo di due settimane, le capacità di oltre cento attori nazionali saranno rafforzate attraverso una serie di quattro workshop sulla comunicazione di crisi, le strategie di comunicazione del rischio e il ruolo del portavoce.

READ  La storia della scomparsa del mammut lanoso rivista dalla scienza

SI Frederic Campo

Burkina 24

Pubblicità