Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo studio mostra che la perseveranza non sarà in grado di rilevare le biomolecole su Marte

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Perseveranza nella ricerca della vita su Marte
Perseveranza, ecco come la NASA ha deciso di nominare il rover che invierà su Marte nell’estate del 2020. Il rover da cui i ricercatori si aspettano molto. Sarà il primo a raccogliere campioni di roccia per riportarli sulla Terra. Obiettivo: ricercare tracce di vita microbica.

È uno dei Le missioni principali del veicolo itinerante della perseveranza : Cerca tracce di vita nelle rocce del suolo marziano o almeno prova. Perché non è così fossili Le organizzazioni che stai cercando perseveranzama molecole, più o meno complessi, che potrebbero essere stati sintetizzati da processi biologici. il viandante Curiosità di Ho fatto il primo passo confermando La presenza di molecole organiche (composti di metano e carbonio) su Marte. Se la persistenza riesce a trovare biomolecole più complesse, potrebbe significare che il pianeta ha visto l’inizio di una vita organica anche molto primitiva. Una prospettiva piuttosto eccitante!

Problema UV

Questo obiettivo è anche uno dei seguenti obiettivi rover Chi dovrebbe unirsi a Marte: Rosalind Franklin. Questo è il nuovo rover Dal programma ExoMars dell’ESA e Roscosmos Trasporterai a bordo una serie di strumenti per eseguire misurazioni spettroscopiche Raman. Il Spettroscopia Raman È un metodo di analisi chimica che determina la struttura delle molecole in un campione. Questo tipo di strumento equipaggia effettivamente il carro della perseveranza. Se questo metodo è efficace sulla Terra ed è ampiamente utilizzato per scoprire biomolecole, allora le cose sembrano complicate su Marte.

Perché c’è una grande differenza tra Marte e la Terra:atmosfera. Se Marte ne ha uno, è molto più sottile del pianeta Terra. Tuttavia, l’atmosfera terrestre svolge un ruolo essenziale nel sostenere la vita: blocca gran parte della radiazione ultravioletto (UVR), che in dosi elevate è dannoso per gli organismi viventi.

READ  Le cause non sono ancora ben comprese, ma probabilmente hanno una componente genetica

Questo metodo di analisi è più adatto per la persistenza?

Le biomolecole possono rimanere stabili sotto fu L’effetto della radiazione solare sul suolo di Marte? Alcuni studi prima della spedizione hanno mostrato che mentre il tasso di degrado è sicuramente molto alto nei primi centimetri della superficie, la sepoltura Tuttavia, ha la capacità di proteggere alcune biomolecole. Tuttavia, data questa ipotesi, c’è un altro problema associato al metodo di analisi questa volta. Infatti, se gli scienziati hanno dimostrato che le biomolecole potrebbero rimanere rilevabili nonostante le condizioni atmosferiche di Marte, questi test non sono stati eseguiti utilizzando la spettroscopia Raman per eseguire le analisi.

Quindi un team di ricercatori è venuto a mettere in discussione la capacità analitica di questo tipo di strumento in condizioni marziane. Così a bordo sono stati condotti una serie di esperimenti (Biomex). Stazione Spaziale Internazionale. Sette diversi tipi di biomolecole sono state esposte alla radiazione solare all’esterno della stazione per 469 giorni. È stato mescolato con controparti della regolite marziana per simulare meglio le condizioni ambientali prevalenti sul Pianeta Rosso. I campioni sono stati quindi analizzati mediante spettroscopia Raman.

Il segnale della regolite interferisce con il segnale biomolecolare

Quindi i ricercatori si sono resi conto che analizzando i campioni più esposti alle radiazioni ultraviolette (simulando quelli sulla superficie di Marte), il segnale associato a metallo La regolite copriva parzialmente o addirittura oscurava completamente il segnale associato alle biomolecole. Ad esempio, il segnale particolarmente forte dell’ematite, a minerale È molto presente su Marte ed è esattamente nello stesso intervallo di valori dell’intervallo di clorofillaDa Cellulosa o altre biomolecole, impedendone il rilevamento. I campioni ne contengono moltoArgilla Si è rivelato più difficile da analizzare. Tuttavia, questo minerale è considerato la matrice che probabilmente ha preservato le molecole organiche su Marte.

READ  Tre quebecchesi su quattro sono insoddisfatti della gestione sanitaria del governo del Legault

Questo studio è stato pubblicato in progresso della scienza, illustra la difficoltà di analizzare campioni contenenti fasi metalliche mediante spettroscopia Raman, in presenza di un’elevata esposizione ai raggi UV. D’altra parte, campioni a profondità e quindi più protetti dai raggi UV possono rimanere adeguatamente rilevabili utilizzando questo metodo.

Pertanto, la persistenza, che può analizzare solo campioni di superficie, può perdere completamente un biomarcatore, anche se le biomolecole sono già presenti nel campione analizzato!

Scavare in profondità, la soluzione di Rosalind Franklin

Quindi tutte le speranze sono sul rover di Rosalind Franklin, che sarà lì capacità di scavo La sua profondità arriva fino a due metri per il recupero di campioni protetti dai raggi UV.

Anche la modifica della tecnologia di analisi da parte dello spettrometro Raman mostra buoni risultati sulla Terra, ma l’attrezzatura deve ancora essere miniaturizzata prima che possa essere integrata in una potenziale missione su Marte. Nel frattempo, il nuovo approccio all’elaborazione dei dati potrebbe consentire di estrarre determinate informazioni da campioni analizzati per persistenza. Altrimenti, dovrai aspettare I campioni tornano sulla Terraprevista per il 2033.

Interessato a quello che hai appena letto?