Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo studio dimostra che i cani capiscono le parole che usiamo

Lo studio dimostra che i cani capiscono le parole che usiamo

Scritto dalla redazione dell'AFP

21 minuti fa

Se i cani capiscano le parole o una situazione, come il tono utilizzato o un contesto particolare, è rimasto irrisolto per molto tempo, e questo nuovo studio tenta di risolvere la questione.

I nostri cani riescono a capire le parole che usiamo? Un nuovo studio sulle onde cerebrali, pubblicato venerdì sulla rivista Current Biology, suggerisce che sentire i nomi dei loro giocattoli preferiti attiva la memoria delle cose ad essi associate.

“Questo ci dimostra che non si tratta solo di un'abilità umana”, afferma Lila Magyari, coautrice dell'indagine e ricercatrice presso l'Università Loránd Eötvös in Ungheria.

La questione se i cani comprendano le parole o una situazione, come il tono utilizzato o un contesto particolare, è rimasta a lungo irrisolta e la scienza non è stata in grado di fornire risposte chiare.

In passato numerosi test di laboratorio hanno dimostrato che i cani, salvo poche eccezioni, non possono restituire oggetti finché non ne sentono il nome.

Per molti esperti, a motivarli non è proprio ciò che diciamo loro, ma come e quando lo facciamo.

Ad esempio, chiedere di andare a “prendere il bastone” e vedere il tuo cane tornare con il pezzo di legno non dimostra che il tuo cane conosca il significato della parola “bastone”.

“14 cani” su 18

In questo nuovo studio, Lela Magyari e i suoi colleghi hanno utilizzato una tecnica di imaging cerebrale non invasiva su 18 cani.

Usando elettrodi posizionati sui loro crani, hanno registrato l'attività cerebrale. Gli insegnanti hanno poi dato le parole corrispondenti ai giocattoli che conoscevano e poi hanno mostrato loro l'oggetto corrispondente oppure un oggetto diverso.

READ  La pepita di Samsung sfrutta una proposta davvero utile

Dopo l'analisi, il gruppo di ricerca ha scoperto diversi schemi nel cervello quando l'insegnante mostrava o meno l'oggetto corrispondente.

Questo tipo di prova, utilizzata da decenni sull'uomo, è una dimostrazione di significato e ha anche il vantaggio di non richiedere al cane di restituire l'oggetto per dimostrare la propria conoscenza.

“Abbiamo trovato questo risultato in 14 cani”, ha detto all'AFP la coautrice dello studio Mariana Boros. Il che dimostra che questo risultato non è solo frutto di “alcuni cani eccezionali”.

Aggiunge che anche i quattro che “hanno fallito” potrebbero essere stati semplicemente testati sulle parole sbagliate.

Holly Root Guttridge, specialista in comportamento canino presso l'Università di Lincoln in Inghilterra, ha detto all'AFP che la capacità dei cani di restituire un determinato giocattolo dopo aver sentito il suo nome era precedentemente considerata un dono.

“risposta cerebrale”

Ad esempio, i famosi Border Collie Chaser e Rico possono trovare i giocattoli in una grande pila semplicemente sentendo i loro nomi.

Per il ricercatore, il nuovo studio “dimostra che molti cani imparano i nomi delle cose in termini di risposta cerebrale anche se non lo mostrano nel loro comportamento”.

Clive Wynn, un comportamentista canino dell'Arizona State University, ha detto di essere “diviso” sui risultati.

Secondo lui “l'articolo non regge quando tenta di dimostrare quella che lui chiama 'comprensione semantica'”, pur lodando un apparato sperimentale 'innovativo' che permette di testare l'intera 'funzione lessicale' dei cani.

Ad esempio, Clive Wynn dice che deve scrivere la parola “cammina” anziché pronunciarla, per evitare che il suo cane immagini che sta uscendo. Dice che non è necessario prendere tali precauzioni con gli esseri umani la cui comprensione della parola va oltre la semplice associazione.

READ  Playstation plus essential, date de sortie et quel est le prix du nouvel abonnement ? - Breakflip

Il ricercatore si chiede: “Pavlov sarà sorpreso da questi risultati?”, riferendosi al famoso scienziato russo che dimostrò che i cani possono essere condizionati a secernere saliva ogni volta che sentono il suono del campanello che indica l'ora di mangiare. “Non credo che lo farà.”