Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo sciopero continua in almeno 40 negozi Carrefour

Proprio come venerdì, sabato più di 40 dei 50 negozi Carrefour Mestdagh integrati del marchio a Bruxelles e in Vallonia erano ancora in sciopero, ha indicato a mezzogiorno Evelyn Zeppos, segretaria permanente del CNE. I negozi in concessione (una trentina) non si preoccupano dello sciopero. L’ufficio di conciliazione si riunirà nel pomeriggio di martedì 23 novembre.

Lo sciopero è stato guidato da un fronte sindacale congiunto (CNE e Setca). I movimenti sociali avevano già permeato i negozi del gruppo questa settimana, in particolare nelle regioni di Liegi e Verviers. Il punto più importante nella rabbia dei lavoratori è il burnout.

Il personale è determinato e vuole più risorse

Per CNE, il problema è che gli operatori storici ricorrono frequentemente a contratti precari, come lavoro temporaneo e lavori per studenti, con conseguente aumento del carico di lavoro per i dipendenti assegnati per periodi più lunghi. Altre aree di insoddisfazione includono anche l’organizzazione del lavoro e la formazione dei dipendenti. Il Fronte comune critica anche l’amministrazione per non aver anticipato la stagione delle vacanze tradizionalmente impegnativa.

“I dipendenti sono determinati e vogliono più risorse, meno rischi, corretta organizzazione del lavoro, vera formazione, ecc.”Evelyn Zappos conferma. L’ufficio di conciliazione si terrà martedì pomeriggio. “Promette quindi stress perché i dipendenti sono in attesa di soluzioni reali, urgenti, professionali e strutturali a tutti gli effetti, precedentemente richieste in numerose occasioni in tutti gli organi consultivi della società” avverte il rappresentante dell’Unione Cristiana.

READ  A partire dal prossimo anno, pagherai alcune delle tasse più costose