Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’italiano Leonardo afferma che la nazionalità dell’acquirente non è un grosso problema nelle vendite di unità.

Il team di difesa italiano Leonardo mercoledì ha detto al suo produttore di armi OTO Melara e alla sua divisione siluri navali VAZ che la cittadinanza del futuro acquirente non sarebbe un fattore chiave nella sua decisione.

Il gruppo ha fatto notare qualche mese fa che OTO Melara e Wass sono pronte alla vendita, per un valore complessivo di oltre 500 milioni di euro, e che il suo amministratore delegato Alessandro Profumo ha dichiarato di aspettarsi “offerte a breve termine”.

Il consorzio controllato dallo stato del franco-tedesco KMW + Nexter Defense Systems (KNDS) e del costruttore navale italiano Fincantieri ha espresso interesse, con alcuni politici che hanno affermato che la vendita al gruppo italiano sarebbe la soluzione migliore.

“Mentre c’è un dibattito sulla creazione della sicurezza europea (capacità), non concluderemo prendendo in considerazione la sola nazionalità dell’acquirente”, ha affermato. Profumo ha annunciato, interrogato sulle potenziali vendite di Fincantieri.

La vendita delle due unità fa parte della più ampia strategia di Leonardo di focalizzare le sue operazioni su elicotteri, velivoli ed elettronica per la difesa.

Vogliamo essere leader mondiali nel campo degli elicotteri e leader europei nel campo dell’aviazione e svolgiamo un ruolo chiave nel campo dell’elettronica negli Stati Uniti e in Europa, ha affermato.

In questa strategia, Wass non è vista come una parte essenziale dell’azienda e l’OTO Melara è vista come troppo piccola per competere in Europa.

KNDS ha offerto circa 6.650 milioni per entrambe le unità, mentre diverse fonti vicine alla vicenda affermano che la proposta di Fincantieri è meno appetibile dal punto di vista finanziario.

OTO Melara e Wass impiegano più di 1.500 dipendenti in quattro stabilimenti italiani.

READ  Un falso ginecologo italiano è sospettato di aver intrappolato 400 donne con una webcam

“Quando decidiamo le opzioni, teniamo presente la sostenibilità a lungo termine dei posti di lavoro (aziende)”, ha affermato Profumo Knes alla presentazione dell’infrastruttura digitale del Gruppo, dove gestisce un sistema ad alte prestazioni. Battezzato Da Vinci-1.