Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’italiana Sony Golfrelli si presenta con una Donetsk Paris-Rubox

Dovrebbe essere l’inferno. UN Parigi-Roubaix Come prima, bocche nere nel fango, fissando il buio, cadendo con una pala e la voglia di essere da qualche altra parte, gente calda e sfortunata liberata su questo maledetto marciapiede. Come nel 2001 una Parigi-Roubaix, almeno, si è definita la classica regina del vento, della pioggia e del freddo, al riparo dalle intemperie di Donetsk.

Questa domenica 3 ottobre, nelle prime tre ore di gara, l’inferno si è davvero rivelato. Per gettare un po’ di speranza sul marciapiede scivoloso (lo svizzero Stephen Kung, lo slovacco Peter Sagan), era tempo di fare il suo lavoro, mentre altri venivano traditi da pugni infidi (traditi dall’italiano e locale Florian Seneca, dall’italiano Gianni Moscon, che guidato da 20 km). Poi l’inferno si è spostato sotto gli altri cieli, con piste e bordure bagnate, tante pozzanghere, ma anche i raggi del sole, che a volte scaldavano i cuori.

Tre nuovi arrivati ​​all’ultimo giro

Ma, come prima, si trattava di una Parigi-Roubaix, esordiente nel 1955 con un’unicità che non avveniva dopo che il francese Jean-Forrester, per la sua prima partecipazione, sorprese il vincitore della Parigi-Roubaix in quindici brevi secondi. Davanti Fausto Coppi e Louison Bobet. Sessantasei anni dopo, l’italiano Sony Golfrelli ha registrato il suo nome nel programma della sua prima visita al Nord.

Nel velodromo André-Pétrieux, c’erano tre corridori invenzione che si sono offerti volontari per competere nello sprint per la vittoria. Come Sony Golfrelli, il 22enne belga Florian Vermeerch e la star olandese Matthew van der Boyle non hanno mai messo le ruote sulle strade accidentate di Hots-de-France. Tutti e tre, tuttavia, hanno cercato di evitare tutte le probabilità. Sony Colbrelli è stato per lui un uomo forte dell’anno, già campione d’Italia e d’Europa e il più brillante al Tour de France; Florian Vermeerch, sperando di andare in bicicletta belga, va come un vecchio dalla mattina ai buoni posti d’addio; E Matthew van der Boyle, quattro volte campione del mondo di ciclocross, ha usato percorsi caotici.

READ  Bombardamenti italiani, una specie in via di estinzione? (4/4)

Matthew van der Boyle è molto ragionevole

L’ambizioso olandese, prima del via, ha negoziato perfettamente la scommessa per eliminare i suoi principali rivali, tra cui il belga Wood van Eart e il ceco Stanek Stieber, finalmente 7e e 26e. Ma non ne ha avuto abbastanza sotto il pedale dell’ispiratrice maglia gialla della prima settimana dello scorso Tour de France, spezzando nell’ultimo giro il soldato a Sony Colbrelli, da tempo soddisfatto della sua fama di velocista. .

A 31 anni Ryder dalla provincia di Brescia (Lombardia) conferma che il suo profilo è sempre più ampio e solido. Sappiamo già che è rilassato nelle classiche e abbiamo scoperto che ha superato di gran lunga i Moguls per il suo quinto Tour de France (52) quest’anno.e, Il suo miglior risultato), ora è in grado di superarsi nel peggior modo possibile. Il successo sul marciapiede è raro, e gli italiani lo sanno bene: la loro ultima vittoria è iniziata nel 1999 con l’arrivo in solitaria di Andrea Toffee. La carestia per i francesi durò ancora più a lungo. Esattamente dal 1997. Questa domenica, la prima bandiera tricolore, Christophe Laporte di Cofidis Creation, ha tagliato il traguardo al sesto posto.