Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’India piange il padre della “rivoluzione verde” che fece uscire il Paese dalla carestia

L’India piange il padre della “rivoluzione verde” che fece uscire il Paese dalla carestia

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

Il professor Munkombu Sambasivan Swaminathan è morto giovedì 28 settembre, all’età di 98 anni. Il suo lavoro ha permesso al paese di trasformare la propria agricoltura negli anni ’60.

Il genetista indiano Munkhumbu Sambasivan Swaminathan, padre diRivoluzione verde», È morto giovedì 28 settembre, in India, dove il suo lavoro ha permesso di porre fine alla cronica carenza di cibo che affliggeva il Paese negli anni ’60. Secondo l’agenzia di stampa PTI, il famoso genetista e ingegnere agricolo di 98 anni è morto a Madras, nel suo stato natale, il Tamil Nadu.

Lo scienziato ebbe una brillante carriera accademica che gli valse 84 dottorati honoris causa. Il suo lavoro nell’allevamento di varietà di grano e riso, nel miglioramento dei raccolti e nella formazione degli agricoltori per coltivarli ha contribuito a far uscire l’India dalla carestia e a diventare una nazione esportatrice di cibo. “In un momento molto critico della storia della nostra nazione, il suo lavoro pionieristico nel campo dell’agricoltura ha trasformato la vita di milioni di persone e ha garantito la sicurezza alimentare della nostra nazione.“, ha salutato il primo ministro Narendra Modi su X (ex Twitter).

Il professor Swaminathan ha conseguito un dottorato in genetica presso l’Università di Cambridge nel 1952, ma ha rifiutato una cattedra negli Stati Uniti per tornare in un’India indipendente, e “Servire la nazioneCollaborò in particolare con l’agronomo americano Norman Borlaug, i cui contributi al miglioramento dell’approvvigionamento alimentare mondiale gli valsero il Premio Nobel per la pace.Dopo l’insediamento del primo ministro Indira Gandhi nel 1966, Swaminathan attuò un nuovo programma agricolo.L’economia indiana è dipendente dagli aiuti esteri, ma all’inizio degli anni ’70 le nuove tecnologie resero l’India autosufficiente.

READ  Ségur de la Santé: un nuovo ospedale per Och

La crisi è la madre delle invenzioni. Abbiamo affrontato una crisi negli anni ’60 e ci siamo riusciti“, ha detto lo scienziato all’AFP nel 2008. Il suo lavoro ha vinto numerosi riconoscimenti tra cui il Premio Ramon Magsaysay, l’equivalente asiatico del Premio Nobel, nel 1971 e il primo Premio Mondiale per l’alimentazione nel 1987. Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha detto all’epoca: Javier Pérez de Cuellar ha dichiarato che “I suoi contributi alla scienza agricola hanno lasciato un segno indelebile nella produzione alimentare in India e nei paesi in via di sviluppo».

Successivamente è stato per breve tempo membro del parlamento indiano. Rivista del tempo È classificato tra i tre indiani più influenti del ventesimo secolo, insieme all’eroe dell’indipendenza indiana Mahatma Gandhi e al poeta Rabindranath Tagore.

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >