Maggio 21, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ibernazione degli astronauti potrebbe alla fine essere impossibile per le missioni di lunga durata

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

In uno studio precedente, l’Agenzia spaziale europea (ESA) considerava l’ibernazione per gli astronauti una possibilità per missioni di lunga durata. L’ibernazione induce, o “svernare”, per usare il termine esatto sull’orso, che ha ispirato questo metodo, ridurrebbe in particolare il fabbisogno energetico. Ma è davvero possibile? I ricercatori cileni sostengono che i risparmi realizzati non sono stati ancora adeguatamente contabilizzati. Confrontando i risparmi energetici e le spese di vari mammiferi durante il letargo, suggeriscono che, dal punto di vista metabolico, è improbabile che gli esseri umani sopravvivano al viaggio decennale attraverso lo spazio.

In letargo (inverno) o letargo, il corpo vedrà una diminuzione del metabolismo al fine di ottenere risparmi nel fabbisogno di ossigeno, cibo e acqua. Durante un lungo volo, questo può presentare un enorme vantaggio; Soprattutto perché un viaggio del genere richiede ” Circa 30 kg per astronauta al giorno, e dobbiamo tenere conto delle radiazioni e delle sfide mentali e fisiologiche È stato chiarito lo scorso gennaio In un comunicato stampa Jennifer Ngo Anh, coordinatrice della ricerca per l’esplorazione umana, robotica e del carico utile presso l’Agenzia spaziale europea.

Sebbene l’ibernazione sia uno stato naturale sperimentato da molti mammiferi ed è stato interpretato come una strategia adattativa di risparmio energetico, i ricercatori cileni hanno esaminato in dettaglio la relazione tra massa corporea e dispendio energetico nei mammiferi e negli animali in letargo. Secondo loro, il conto è utile per determinare ” La durata della vita di presunti astronauti nello spazio o il volume massimo al quale l’ibernazione diventa inefficace ».

READ  Il carnet de santé numérique arriva dans le Gers

Solo i piccoli mammiferi forniscono energia durante il letargo

I risultati dello studio sono stati sorprendenti: in media, i piccoli mammiferi che vanno in letargo tendono a fornire molta più energia rispetto ai grandi animali. Ad esempio, un piccolo marsupiale di 45 grammi risparmia il 76% della sua energia durante il letargo, rispetto al suo normale stato attivo. I pipistrelli marroni e gli opossum pigmei possono ridurre i loro livelli di energia naturale fino al 98% durante il letargo! Se consideriamo che l’orso è il principale mammifero che va in letargo, infatti pesa in media solo 70 grammi.

A loro volta, i grandi orsi non risparmiano energia durante il letargo, al contrario, la perdono. Ad esempio, grizzly ottiene un risparmio energetico negativo del 124%. Anche un orso più piccolo (75 kg) non percepisce alcun aumento di energia durante il letargo, rispetto al normale stato di sonno.

Va notato che nel loro stato naturale di attività o di sonno, i piccoli animali devono bruciare più energia di quelli grandi per mantenere la loro temperatura corporea. Ma tutto sembra essere uguale in letargo, indipendentemente dalle dimensioni del corpo. ” Abbiamo stimato una misura del dispendio energetico giornaliero in letargo e abbiamo scoperto che era proporzionale alla massa Scrivi i ricercatori nel loro studio. “Ciò significa che un grammo di pipistrello in letargo ha un metabolismo simile a quello di un grammo di un orso, che è 20.000 volte maggiore. ».

Questa diventa così una caratteristica più importante per i piccoli organismi e di scarsa utilità per organismi più grandi come orsi e umani. Secondo questo studio, è probabile che l’ibernazione indotta artificialmente non fornisca a un astronauta umano più energia del normale sonno.

READ  L'avenir des océans au cœur du Sommet mondial de Brest

Pertanto, i piccoli mammiferi potrebbero facilmente trarre vantaggio dall’ibernazione attraverso le riserve di energia immagazzinate nei muscoli e nel grasso, mentre gli esseri umani non sarebbero in grado di fare lo stesso. E anche se teniamo conto di questo, i viaggi nello spazio possono durare solo pochi anni, perché la perdita di grasso sarebbe significativa. Secondo lo studio, ci vorrebbero 6,3 grammi di grasso al giorno per andare in letargo nello spazio, ovvero circa 204 kg in un viaggio di 90 anni.

fonte : Atti della Royal Society b.