Maggio 21, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I bruchi teatrali di quercia e pino sono considerati dannosi per la salute umana

primario
Il bruco processionale delle querce e il bruco delle conifere, per decreto, sono stati inseriti nell’elenco delle specie la cui diffusione è considerata dannosa per la salute umana.

Attenzione se li contatti. O meglio, i loro capelli. Le larve della processione hanno peli urticanti che, al contatto, possono produrre eruzioni cutanee o reazioni allergiche nell’uomo, ma anche negli animali.

Decreto del 27 aprile Il bruco da parata delle querce e il bruco di conifere si sono aggiunti “all’elenco delle specie la cui diffusione è dannosa per la salute umana”.

Una decisione presa alla luce del forte allevamento tra il 2012 e il 2019 di “dossier annuali di avvelenamento da parte di queste larve” dai centri antiveleni, spiega il sito. Vie-publique.fr. In 7 anni, il numero di file è aumentato ogni anno da 44 a 178, ha affermato.

Secondo Marilou Mutit, il coordinatore dell’osservatorio dei bruchi per la passeggiata che lo ha incontrato ParigiL’inclusione delle due specie in questo elenco “consentirebbe ai governatori, in ogni distretto pertinente, di avvertire i residenti e dettagliare le misure da adottare, in particolare se notano la presenza di nidi sopra le aree giochi dei bambini o nei cortili delle scuole”.

Eruzioni cutanee, congiuntivite, starnuti…

Il bruco da parata dei pini punge da dicembre ad aprile, mentre il bruco da parata di querce punge da maggio a luglio, spiega Agenzia sanitaria regionale dell’Ile-de-France sul suo sito web. I loro capelli possono cadere facilmente per contatto o semplicemente per vento. Così possiamo essere colpiti senza essere in contatto diretto con il bruco. Dettagli dei sintomi di ARS:

  • eruzione cutanea dolorosa con forte prurito entro otto ore dal contatto con la pelle;
  • congiuntivite (“arrossamento, dolore, lacrimazione agli occhi”) dopo 1-4 ore in caso di contatto con gli occhi;
  • starnuti, mal di gola, difficoltà a deglutire e possibilmente difficoltà a respirare se inalato;
  • “Salivazione, vomito, dolore addominale” se ingerito.
READ  Inquinamento atmosferico dans les écoles de Seine-et-Marne : la santé des enfants en hazard

Per proteggersi da ciò, l’ARS offre diversi consigli quali: “Non avvicinarsi e non toccare questi bruchi o il loro nido, indossare abiti lunghi quando si cammina nei boschi, evitare di stropicciarsi gli occhi durante o dopo la camminata, lavare frutta e verdura nell’orto accuratamente ed evitare di asciugare i vestiti vicino agli alberi infestati, fare una doccia e cambiarsi i vestiti se si sospetta l’esposizione alle larve.