Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ex presidente russo Medvedev chiede: “Chi può dire che l’Ucraina rimarrà sulla mappa del mondo tra due anni?”

La persona che oggi ricopre la carica di vicepresidente del Consiglio di sicurezza speciale della Federazione Russa ha commentato la volontà dell’Ucraina di concludere un contratto biennale per l’acquisto di gas liquefatto americano. “Chi può confermare che l’Ucraina rimarrà sulla mappa del mondo tra due anni?”, ha chiesto. Medvedev è stato presidente della Russia dal 2008 al 2012. Era considerato un giovane innovatore, ma anche un “surrogato” di Vladimir Putin, a cui la legge proibisce di correre a tempo indeterminato. Medvedev ha recentemente rilasciato diverse dichiarazioni sprezzanti nei confronti del suo vicino ucraino. Alcuni osservatori temono che queste affermazioni indichino il desiderio di distruggere l’Ucraina come stato indipendente. Ma secondo il Cremlino, l’obiettivo dell'”operazione militare” è eliminare le capacità militari ucraine e “liberare” la regione orientale del Donbass.

Durante l’attacco russo all’Ucraina iniziato il 24 febbraio, l’eliminazione del governo filo-occidentale ucraino sembrava essere l’obiettivo principale dell’attacco e gli attacchi sono stati effettuati vicino alla capitale, Kiev. Ma questo governo, guidato dal presidente Volodymyr Zelensky, ha già annunciato che rinuncerà all’adesione del Paese alla NATO. Le forze russe stanno ora cercando di occupare l’intera regione orientale del Donbass e di tenere le regioni sudorientali di Kherson e Zaporizhia. Le regioni verranno quindi fuse e, come la Crimea prima di loro, non cadranno più sotto il controllo di Kiev. Per alcuni osservatori, il Cremlino vuole in realtà soggiogare l’intero Paese a tappe.

READ  "Quello che vuole il nemico è chiaro": Zelenskyj risponde a diversi attacchi russi