Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’eccellenza dell’orologeria al servizio dell’aviazione

L’eccellenza dell’orologeria al servizio dell’aviazione

Lo scorso giugno Breguet ci ha invitato al Museo dell’Aria e dello Spazio di Le Bourget per presentare i nuovi pezzi della collezione TYPE XX. Il museo dell’aviazione più importante di Francia era, ovviamente, il luogo in cui sognavamo di esporre questi prodotti, ma ha anche permesso al marchio di ricordarci che l’aviazione era parte integrante della sua storia. Non possiamo contestare l’intima relazione che esiste tra questi due universi. Uno sguardo alla storia che ci porta fuori dai sentieri battuti.

Una famiglia di pionieri

Ai suoi tempi, Abraham-Louis Breguet, il geniale orologiaio, riuscì a superare i limiti nel suo campo. Inventò il tourbillon, sviluppò anche il cosiddetto orologio automatico “perpetuo”, inventò la molla per gli orologi con ripetizione, ma anche il drop guard, il primo dispositivo anti-shock, rivoluzionando tutti gli aspetti dell’orologeria. Non dicono che una maledizione non può mentire? La passione per la conquista dei cieli è stata sviluppata da suo nipote. Un nuovo modo per immortalare lo spirito pionieristico che guida la famiglia. La sua storia è meno conosciuta di quella del suo predecessore. Tuttavia… Innanzitutto, nel 1905, insieme a suo fratello, inventò il Gyroplane, il predecessore dell’elicottero. Sei anni dopo, fondò la sua azienda, Breguet Aeronautics. Questa attività è tutt’altro che aneddotica. L’azienda produce aerei nelle sue officine, in particolare il biplano Breguet 14, utilizzato dalla Francia durante la prima guerra mondiale. Ulteriori squadroni verranno equipaggiati rapidamente e verranno prodotti in più di 8.000 unità. Dopo la guerra furono utilizzati per la posta aerea o per voli commerciali fino alla guerra successiva, quando apparvero altri aerei più efficienti.

READ  Come seguire l'eclissi parziale di sole del 30 aprile 2022?

Legittimità sconosciuta

La collusione tra piloti e orologiai sembra del tutto naturale. Il primo ha bisogno di strumenti affidabili in quota, il secondo li immagina e continua a migliorarli da più di un secolo. Dobbiamo il primo orologio da pilota a Louis Cartier che lo progettò nel 1917 per il suo amico, l’aviatore Santos Dumont. Altri salteranno sul carro, anzi sull’aereo, e realizzeranno, con più o meno successo, pezzi per il campo civile o militare. Brigitte, da parte sua, iniziò a progettare strumenti per i cruscotti delle cabine di pilotaggio e orologi per i piloti. I primi cronografi da polso furono introdotti nel 1935.

Digita XX in poche righe

Secondo gli archivi, la storia inizia all’inizio degli anni ’50, quando la casa, già specializzata nella produzione di prodotti aeronautici di fascia alta, apprese che l’aeronautica francese stava cercando di fornire ai suoi piloti un orologio da polso cronografo con diversi requisiti. : un quadrante nero con numeri luminosi, lancette luminose, un movimento resistente di alta qualità, per i cambiamenti di pressione e accelerazione, una lunetta girevole e, naturalmente, la funzione “rewind”.
“Aviazione”, per citarne alcuni, ed è proprio il Ministero dell’Aviazione a dare al futuro prodotto il nome “TYPE XX”. Molte aziende competono e conquistano mercati, il che significa che molti marchi produrranno il TIPO XX. D’altra parte, “i marchi selezionati per gli appalti pubblici potrebbero vendere lo stesso prodotto anche a clienti privati. Troveremo così il TYPE XX militare e il TYPE XX civile. I prototipi presentati dalla casa nel 1952 furono approvati, un anno dopo successivamente, dal Servizio Tecnico dell’Aviazione Nel 1954, l’Aeronautica Militare ordinò 1.100 esemplari militari che furono consegnati tra il 1955 e il 1959. Erano 30 in totale, quadrante non firmato, e sul retro c’erano le iscrizioni ufficiali “BREGUET — TYPE 20 – 5101/ 54”. Nel 1971 fu introdotta la seconda generazione. Dal TYPE XX.

READ  Mod accusé de minage de bitcoins, virus supprimés de Steam

Si riconosce dalla grande cassa in acciaio lucido, dalle anse spesse e dalla lunetta nera. Questo modello è disponibile con o senza timer da 12 ore, ma il suo timer è sempre da 15 minuti. Nel corso del tempo verranno introdotte numerose varianti. La famiglia cresce ancora, nel 2004, con l’arrivo del TYPE XXI (rif. 3810 nel 2010 insieme all’imponente TYPE XXII [réf 3880].

Sono stati necessari quattro anni di lavoro prima che venisse presentata la nuova generazione della distintiva TYPE XX, con due versioni che soddisfano tutte le aspettative, una dall’aspetto militare e l’altra ispirata ai più bei modelli civili: