Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Le persone LGBTQI+ ricevono cure mediche scadenti”: un centro sanitario “arcobaleno” aprirà a Bruxelles

In occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia, Sarah Schlitz è stata ospite alle 7:50 al microfono di Fabrice Grosvelli. Il Segretario di Stato per l’uguaglianza di genere del governo federale è venuto a parlare dell’ampio piano di 133 misure per combattere la discriminazione relativa all’identità di genere e all’orientamento sessuale, compreso l’accesso all’assistenza sanitaria. Un centro benessere “Rainbow” dovrebbe aprire le sue porte nel cuore del “quartiere gay” di Bruxelles.

Il Belgio è un paese leader in termini di diritti LGBTQI+. Siamo già il secondo paese al mondo a concedere il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Anche altri importanti diritti furono ottenuti molto presto grazie alla lotta delle associazioni. Questo martedì è la Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia. Un giorno importante per ricordarci che oggi in Belgio c’è ancora molta violenza e discriminazione nei confronti di coloro che sono gay, lesbiche o transgender. “Dobbiamo continuare con decisione a svolgere questo ruolo pionieristico per i diritti e le personalità LGBT, è essenziale”.Il ministro di Stato per l’uguaglianza delle persone nel governo federale. Sarah Schlitz è stata ospite alle 7:50 al microfono di Fabrice Grosvelli.

È venuta a parlare dell’ampio piano presentato dal governo martedì. Un piano di 133 misure che considera ambiti diversi, con l’accesso alla salute come una priorità assoluta. “Questo è un argomento che spicca molto nelle preoccupazioni delle associazioni di stakeholder. La salute delle persone LGBT non è ben curata”Lei disse.

Casa della Salute

Secondo il Segretario di Stato per l’uguaglianza di genere, molte persone LGBTQ temono ancora di andare dal medico fino ad oggi. o per paura di dover rivelare la propria identità e orientamento sessuale “Per un medico non deve essere necessariamente aperto alla domanda”, come dici. oa causa della mancanza di conoscenza da parte dei medici sui fatti specifici delle persone lesbiche, transgender e gay. “Non hanno gli stessi dati medici delle persone eterosessuali o compiacenti”.Sarah insiste sull’apertura.

READ  La decurtazione dei servizi sanitari ad Abitepe è la prima vittima

Per combattere queste paure e incoraggiare le persone in questa comunità a consultare un medico, un centro sanitario “Rainbow” aprirà le sue porte nel cuore del “quartiere gay” di Bruxelles. Il risultato della cooperazione tra il governo federale e le autorità di Bruxelles. “Questo è il primo progetto pilota (…) tutto il lavoro deve iniziare e sarà implementato per fasi”, lei spiegò. Questa è una vecchia fabbrica di spugne che verrà riadattata. “Siamo stati su un piano per mesi e anni, ma ci sarà davvero il primo lavoro concreto in 6 mesi, credo”.

ricezione a bassa soglia

Questa casa sana lo permetterà “bassa accoglienza”Ciò significa che è il più accessibile possibile. “Andiamo dalle persone, le cerchiamo per parlare con loro di salute”Lo conferma il ministro di Stato per la parità di genere. A tale scopo verrà fornito un bar per consentire alle persone di venire a bere prima un drink e sentirsi a proprio agio prima di iniziare a discutere del proprio problema di salute. colui il quale “Senza dover varcare la porta dello studio del dottore, come a volte temono.”

Parallelamente a questo progetto, il ministro federale della Sanità, Frank Vandenbroek, vuole che i medici siano formati maggiormente nella cura delle persone LGBT.