Gennaio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le particelle microplastiche vengono rilevate nell’aria sopra il pick du midi

Se infatti è stata confermata la presenza di microplastiche nelle nevi del Monte Bianco e dell’Everest, secondo i ricercatori l’inquinamento atmosferico di questo tipo di particelle è ancora “relativamente inesplorato”.

La prima cosa che gli scienziati avrebbero potuto fare bene. Particelle di microplastiche sono state rilevate per la prima volta nell'”aria pulita” delle montagne del Pic du Midi, nei Pirenei, o nell’aria agitata sopra le nuvole, secondo i risultati pubblicati sulla rivista martedì. Comunicazioni sulla natura.

Se sappiamo molto bene che gli oceani sono interessati da un elevato inquinamento plastico e che la presenza di microplastiche è già stata confermata nelle nevi del Monte Bianco e dell’Everest, l’inquinamento atmosferico di questo tipo di particolato è ancora “relativamente inesplorato”, secondo i ricercatori dal Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica.

Hanno appena confermato che la plastica è effettivamente in uno stato di sospensione nell’aria, anche se sotto forma di residui di pochi millimetri, a un’altitudine di 2.877 metri. Pertanto, anche l'”aria pulita” nelle cime non è al riparo dall’inquinamento.

1 microplastica ogni 4 m 3

Per ottenere questi risultati, un team di scienziati del CNRS, tra cui ricercatori dell’Università di Grenoble Alps 2 e dell’Università di Strathclyde in Scozia, ha utilizzato una pompa ad aria installata presso l’Osservatorio Pic du Midi. Per quattro mesi, l’imbarcazione ha filtrato l’aria ad alta quota attraverso filtri a maglie molto strette. Quindi i filtri sono stati analizzati e hanno rivelato la presenza di particelle microplastiche ogni 4 m3.

“Se la loro presenza non rappresenta un pericolo immediato, resta sorprendentemente lontana dalle fonti di inquinamento”, conferma nelle sue conclusioni il Centro nazionale per la ricerca scientifica.

Come possono le particelle di plastica della nostra vita quotidiana, come il polistirene e il polietilene, finire nell’aria a una tale altezza? Per capirlo, gli scienziati hanno utilizzato modelli matematici per analizzare il movimento delle masse d’aria.

READ  Covid-19 a Perpignan: "L'epidemia torna a tremare, ma sembra che ci si stia dirigendo verso una situazione più cronica"

Particelle dall’Africa e dal Nord America

Hanno scoperto che la plastica non aveva un’origine locale, ma attraversava mari e oceani. “Può provenire da recinti in decomposizione in Africa, Nord America o persino nell’Atlantico”, spiega Jeroen Sonke, addetto al Laboratorio di Scienze della Terra di Tolosa. parigino.

Per il ricercatore Steve Allen, autore principale di questo lavoro, è l’origine marina di una parte di queste particelle che costituisce l’insegnamento più notevole dello studio.

“Trascinare la plastica dall’oceano a tali altezze dimostra che non è possibile immagazzinare bene, va in circolo in un ciclo perpetuo. Dimostra che non puoi semplicemente inviare la plastica fuori, perché tornerà da te in un modo diverso ,” Ha aggiunto.

Tanto più che alcune delle particelle analizzate, dell’ordine del micron, “hanno una dimensione che possiamo respirare”, aggiunge Deonie Allen, anche autrice dello studio. Questi risultati “dimostrano che si tratta davvero di un problema globale”, aggiunge il ricercatore.

Juliette Desmonso dell’Agence France-Presse