Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le nonne sono scientificamente valide per te

Gli scienziati affermano di aver dimostrato ciò che sanno già molte persone fortunate che conoscono le loro nonne: hanno un forte istinto per proteggere i loro nipoti e sono biologicamente ben attrezzate per associarsi a loro.

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings B, rivela per la prima volta una visione neurologica di questo legame intergenerazionale.

Utilizzando la risonanza magnetica funzionale (MRI), i ricercatori della Emory University in Georgia, negli Stati Uniti, hanno analizzato il cervello di 50 nonne a cui sono state mostrate le immagini delle loro nonne, bambini, dai 3 ai 12 anni.

Per confronto, sono state mostrate anche immagini di bambini che non conoscevano, dei loro figli che erano diventati adulti e di un adulto sconosciuto.

conseguenze: “Di fronte alle foto del nipote, hanno sentito davvero quello che provava lui. Quando esprime gioia, provano gioia. Quando esprime la loro angoscia, si sentono angosciatiL’antropologo e neuroscienziato James Rilling, autore principale dello studio, ha detto all’AFP.

Attivano aree del cervello coinvolte nell’empatia emotiva e altre in movimento‘, è dettagliato.

Le stesse aree del cervello si attivano anche nell’area materna, che viene interpretata come correlata a un istinto che la induce a comunicare o interagire con il figlio.

Al contrario, quando le nonne guardavano le foto del loro bambino adulto, l’attivazione di aree legate all’empatia cognitiva era più forte, come cercare di capire cosa una persona stava pensando o provando e perché, senza generare molto coinvolgimento emotivo.

Questi risultati possono essere collegati in parte, secondo James Rilling, all’aspetto adorabile dei bambini, un fenomeno scientificamente noto che molte specie condividono per suscitare una risposta protettiva.

READ  I paesi raggiungono finalmente un accordo su una dichiarazione finale rivista

Il primo studio del suo genere

A differenza di altri primati, le madri negli esseri umani ricevono assistenza nella crescita dei bambini.

James Rilling, che in precedenza aveva svolto ricerche sui padri, ha voluto rivolgere la sua attenzione alle nonne, al fine di esplorare una teoria in antropologia nota come “ipotesi della nonna“.

Secondo lei, l’evoluzione ha fatto sì che le donne vivano così a lungo – molto tempo dopo che non sono state in grado di avere figli – da poter nutrire le generazioni successive.

Questa è la prima volta che guardiamo (questo lato) del cervello delle nonne“Secondo il ricercatore, si osserva più spesso lo studio di malattie come l’Alzheimer.

I partecipanti allo studio provenivano dall’area di Atlanta, Georgia e di diverse origini etniche e sociali.

Confrontando i suoi risultati con quelli raccolti dai padri, James Rilling ha notato che le nonne in generale attivavano più intensamente le regioni coinvolte nell’empatia emotiva.

Ha sottolineato che questa è solo una media che può variare tra gli individui.

Lo scienziato ha anche chiesto a tutti i partecipanti le sfide e i vantaggi di essere una nonna secondo loro.

Le divergenze di opinioni con i genitori sull’educazione dei figli erano le più comuni.

D’altra parte, “Abbiamo scherzato sul fatto che molti hanno menzionato il vantaggio di poter restituire (ai genitori) i nipoti, non è un lavoro a tempo pieno.Don, è.

Molti hanno anche detto che sentivano di poter essere più presenti dei loro figli, perché erano a loro agio con il tempo e i vincoli finanziari.

Molte di loro hanno finito per dire che si divertivano più ad essere nonne che essere madri.‘, ha finito.

READ  Russia e Stati Uniti vogliono esplorare insieme Venere