Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le condizioni meteorologiche nelle prossime ore fanno temere il peggio ai vigili del fuoco

Quasi sei giorni dopo lo scoppio degli incendi, due giganteschi incendi boschivi hanno distrutto quasi 11.000 ettari di vegetazione e non sono stati riparati, secondo l’ultimo rapporto della contea. Ma soprattutto i vigili del fuoco ora temono le condizioni meteorologiche nelle prossime ore.

La Gironda non ha finito con il suo fuoco. Ieri sera diversi incendi hanno minacciato i campi di Dune du Pilat, che hanno dovuto essere evacuati. Le prossime ore dovrebbero essere complicate, in particolare, perché l’incendio ha coperto da questa mattina 300 ettari, nonostante il caldo e nonostante il vento. Ma ciò di cui ora si preoccupano i vigili del fuoco è che questi venti dirigeranno lo slancio verso sud-ovest. E per questa sera dovrebbe partire questa volta verso il Nord, il Nordest. Così è stata presa la decisione di evacuare l’intero villaggio di Cabanak. Sono più di 2.000 le persone colpite.

“Non dobbiamo tornare ai settori che sgomberiamo”.

Per il vice governatore di Langone, Vincent Ferrier, dimostra che dobbiamo continuare a rispettare gli ordini di evacuazione. “Per alcuni giorni abbiamo avuto i residenti di Cabanac e Villagrain che si sono sentiti un po’ più lontani dal fuoco e hanno detto ‘perché non torniamo indietro’. Capiamo perché non lo permettiamo, perché il vento sta cambiando direzione, spiega, prima di invocare la responsabilità collettiva, sarebbe difficile se avessimo permesso questa replica”, spiega. “.

Leggi di più sull’Europa 1

Video – La Francia è calda, oltre 10.000 ettari bruciati nella Gironda