Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le cellule zombi possono anche proteggerci dall’invecchiamento

Gli scienziati stanno rivedendo il loro giudizio sulle cellule dell’invecchiamento che la medicina antietà ha cercato a lungo di sradicare. Alcuni di essi consentono di riparare i danni ai tessuti, specialmente nei polmoni, nell’intestino o nella pelle.

L’obiettivo della ricerca invecchiamento è aiutare le persone a vivere una vita più lunga e più sana. In questo contesto, gli scienziati prendono di mira le cellule senescenti che si accumulano nei tessuti con l’età che possono causare accensioneaccensione E la produzione di rifiuti tossici dell’organismo. Queste cellule “zombie” sono particolarmente implicate in malattie come il cancro o Il morbo di Alzheimer.

Tuttavia, i ricercatori dell’Università della California, a San Francisco, hanno scoperto che non tutte le cellule senescenti sono dannose. In effetti, alcuni di essi sono incorporati in tessuti giovani e sani e partecipano persino alla riparazione dei tessuti danneggiati. Per fare questo, usano il loro vicino più prossimo, le cellule staminali, che stimolano per iniziare a riparare i tessuti quando sono danneggiati. Il gruppo di ricerca ha notato l’utilità di questo tipo di cellula senescente nel tessuto polmonare, ma anche in altri organi “barriera” come l’intestino tenue, il colon e la pelle.

funzioni contraddittorie

Quindi, anche se i farmaci antietà – che prendono di mira e uccidono le “cellule zombi” – aiutano a ridurre e prolungare le malattie legate all’età. DurataDurata La vita degli animali, può anche avere un effetto negativo sulla riparazione naturale.

« Gli studi suggeriscono che la ricerca sulla degenerazione della senescenza dovrebbe concentrarsi sull’identificazione accurata e sul targeting delle cellule senescenti dannose, forse ai primi segni di malattia, lasciando intatte le cellule benefiche.annunciato In un comunicato stampa Professoressa Leanne Jones. Questi risultati evidenziano la necessità di sviluppare farmaci migliori e più piccoli molecolemolecole che prenderebbe di mira sottoinsiemi specifici di cellule senescenti coinvolte nella malattia piuttosto che nella rigenerazione ».

READ  «Cela vaut le coup de tout bouliverser»