Aprile 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le autorità sanitarie sconsigliano il consumo di uova provenienti da pollai locali situati nell’Ile de France

Le autorità sanitarie sconsigliano il consumo di uova provenienti da pollai locali situati nell’Ile de France

I residenti dell’Ile-de-France sono invitati a non consumare uova provenienti da pollai locali situati in Ile-France, dopo la scoperta di livelli diffusi e talvolta molto elevati (fino a cinquanta volte superiori ai limiti normativi europei applicabili alle uova commercializzate) di contaminazione da diossine, furani e PCB Cloruri policlorurati, che sono tre famiglie di POP, con effetti potenzialmente gravi sulla salute. In un comunicato stampa pubblicato mercoledì 19 aprile, l’Agenzia regionale della sanità (ARS) dell’Ile-de-France ha raccomandato, ‘come misura precauzionale’Nessun consumo incontrollato di uova e prodotti animali di origine locale in tutta la regione Ile-de-France. Questa raccomandazione si applica in particolare a Parigi e ai sobborghi interni, nonché alle aree urbane dense nei sobborghi esterni, e specifica l’ARS.

Un primo avviso è stato emesso nel febbraio 2022 con rivelazioni di prima il mondo Alti livelli di diossina nelle uova di gallina allevate all’aperto vicino all’inceneritore di rifiuti domestici Ivry-Paris XIII, il più grande d’Europa. Lo studio è stato condotto dalla ToxicoWatch Foundation, specializzata nell’analisi tossicologica degli inquinanti emessi dagli inceneritori, su richiesta del gruppo 3R (“ridurre, riutilizzare, riciclare”).

Dopo la pubblicazione di questi rilievi, l’ARS ha inizialmente deciso di sconsigliare, già in via precauzionale, il consumo di uova provenienti da pollai, orti e fattorie didattiche ubicate nelle vicinanze del crematorio, sia nei comuni di Ivry-sur- Senna, Charenton-le-Pont e Alfortville e 12H e altri 13H distretti di Parigi.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Funzionari eletti chiedono “trasparenza” sui livelli di diossina intorno all’Olocausto di Evry-Paris XIII

Inquinanti persistenti “in tutto l’ambiente urbano”

Questa raccomandazione è stata ora estesa all’intera regione parigina dopo la pubblicazione dei primi risultati di uno studio condotto dall’ARS su tutta l’Ile-de-France. Lo studio si è concentrato su venticinque siti volontari, di cui quattordici vicino ai tre principali inceneritori di rifiuti intorno a Parigi (Ivry-sur-Seine, ma anche Issy-les-Moulineaux e Saint-Ouen) e undici più lontani. I campioni sono stati analizzati dal Laboratorio Laberca, National Reference POP, nel marzo 2023. Questo studio non riguarda la produzione di uova incorporata in un settore commerciale, soggetto a supervisione normativa, e specifica ARS.

READ  Decrittazione: "Molte sfide per l'agenzia sanitaria Wallis & Futuna", intervista al nuovo direttore Laurent Bien

Hai ancora il 47,34% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.