Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le auto elettriche emettono tante particelle fini quante le altre

Di cosa stiamo parlando? Particelle prodotte dai pneumatici durante l’usura a contatto con la superficie stradale, dai dischi e dalle pinze dei freni, nonché dalle sospensioni. Attualmente rappresenta più della metà delle particelle prodotte dal traffico stradale.

“Il particolato emesso al di fuori dello scarico varia in dimensioni da pochi nanometri (ultrafine) a pochi micrometri (micro). Queste particelle contengono vari elementi metallici (ferro, rame, zinco, Ba, ecc.) e zolfo oltre a quelli prevalentemente grande carbonio”. Questi articoli possono causare effetti negativi sulla salute, secondo il rapporto.

ADEME rileva che la frenata rigenerativa per i veicoli elettrici, che consente di rallentare il veicolo restituendo alimentazione alla batteria senza richiedere l’intervento dei freni fisici, consente di ridurre notevolmente le emissioni di particolato dovute alla frenata.: 3% nel caso di un veicolo elettrico, contro il 25% delle emissioni di calore totali del veicolo.

benefici annullati

L’agenzia ha invece rilevato che “Poiché la massa dei veicoli elettrici è maggiore di quella dei veicoli termici, ciò influisce sulla larghezza del pneumatico e quindi aumenta le emissioni di pneumatici/particolato stradale (che è il 61% del PHE PM10 per un veicolo elettrico, contro il 47% per un veicolo termico) e per quelli risospeso (36, 28). % rispettivamente di PHE PM10)”.

Continua: “APertanto, questi diversi componenti si compensano a vicenda in termini assoluti, e quindi studi recenti non mostrano alcuna differenza significativa nelle emissioni totali di particolato tra i veicoli elettrici a lungo raggio e gli attuali nuovi veicoli a combustione interna che non emettono praticamente particelle..

particelle secondarie

Tuttavia, ADEME ha ancora determinato che i composti termoelettrici emettono “Ossidi di azoto e composti organici volatili che, a seconda delle condizioni meteorologiche, possono contribuire alla formazione di particelle secondarie, cosa che non avviene nei veicoli elettrici”.

READ  Philip Lom: "Per il suo futuro ha scelto LN24 IPM"

Pertanto, un’auto elettrica manterrebbe questo minuscolo vantaggio, in termini di emissioni di particolato comunque.