Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'”Aka Demi Star” è tornata, ma dov’è finita l’umiltà?

Quando “Star Ac” è apparso sui nostri piccoli schermi nel 2001, non ci aspettavamo nulla: nessun programma sonoro con grandi effetti, nessun reality show ben provato. A quel tempo, lo spettatore non era ancora sorpreso dal genere televisivo: “Loft Story” ha aperto la strada a tutti coloro, senza volto, che sperano di ottenere 15 minuti di fama.

Dopo 20 anni, i reality hanno invaso i canali e distorto tutti i reality. Nessuno ormai è all’oscuro dei codici della “bontà” (che, ovviamente, sono lasciati alla discrezione di ciascuno), e questa generazione di certo non ha installato il proprio smartphone… Temiamo il ritorno della “Star Academy “così è arrivato. Forse TF1 ha mantenuto i leggendari crediti del suo show, aggiornando le bacheche del Castello di Dammarie-les-Lys: i tempi sono cambiati (e non abbiamo ancora inventato la macchina del tempo) e questo ritorno sembra un terribile anacronismo. La freschezza e la franchezza delle prime stagioni hanno lasciato il posto a giovani nutriti di autoritratti, storie sullo sfondo di “The Voice” e “Marseille”. Stavamo aspettando che Nikos svelasse uno dei segreti del candidato (un riferimento alla “storia segreta”). La modestia si è trasformata in qualcosa di appariscente, come i colori dello spettacolo (e i vestiti da “studenti”).

E per questa generazione di candidati che amano rivendicare la libertà di parola ed essere chiunque desiderino così tanto, cosa dovrebbe esserci di più (cattiva) sorpresa che sentire una voce chiara, ben intenzionata e senza commenti profondi (“Ti muovi così bene” , “Mi hai toccato così tanto”) per un corpo L’insegnamento è fluido come Nikos (ma è il suo lavoro). Ma dove sono le spalle di Armandi, Kamel o Alexia Laroche-Joubert che intravedevano alti e bassi? Rimpiangiamo persino i rapporti di Ravi Ritchie, il che significa che potremmo essere definiti una “reazione”, a prescindere: sappiamo cosa abbiamo visto per quasi 10 anni, dal vivo… ed eravamo lontani da quel sabato sera. È “Star Aca-demi” ed è un pessimo mix di tutto il codice usato e logorato da tutti gli spettacoli di intrattenimento del genere che abbiamo visto. e non ha sentito. Questo è il posto più triste. (Ma lì deve esserci un cantante eccellente, come la piccola Anisha che dimostra anche la sua modestia.)

READ  Kelly presenta denuncia contro il carcere dove è stato imprigionato per reati sessuali: "Punizione crudele e insolita"

L’ultima parola andrà ancora al dinosauro Nikos che lo lascerà all’inizio dello spettacolo che non è molto rassicurante: “È una generazione che sa cosa fare davanti alla telecamera”. Finalmente una parola logica! Ma non così in fretta, lo spettacolo freddo torna rapidamente al galoppo: “Non miriamo alla perfezione su Star Academy”. Ciò che risponderà il nuovo preside di “The School” (Michael Goldman, figlio di JJG) è che ci sforziamo soprattutto per l’autenticità. Bene, ci sarà lavoro, molto lavoro…