Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Stazione Spaziale Internazionale è nello spazio e ci sarà la Stazione Polare Tara al Polo Nord

Deserto ghiacciato, le temperature scendono sotto gli 0°C e il sole è sotto l’orizzonte per metà dell’anno. Tuttavia, solo per la luce, la luna che brilla nel cielo. “E d’estate è il contrario”, continua Chris Bowlerdirettore della ricerca al CNRS e presidente del comitato scientifico di Fondazione Tara Ocean. È il luogo più luminoso del pianeta, riceve più fotoni al giorno che altrove. »

Non c’è dubbio che il Polo Nord sia ostile a noi umani. Ma il biologo invita a non sbagliare: “È anche un’oasi marina, con specie adattate specialmente a queste condizioni molto speciali, insiste. Non solo orsi polari, foche, balene… ma anche microscopici organismi planctoniani alla base di tutta la vita al Polo Nord.”

Barca da laboratorio come un’astronave

Questo ecosistema unico scomparirà? Questa è una delle domande alla base della nuova campagna della Tara Ocean Foundation. Dal 2003, le spedizioni oceaniche sono raddoppiate per comprendere l’impatto dei cambiamenti climatici e delle attività umane su questi ambienti. Era già impostato Mi sono diretto al Polo Nord tra il 2007 e il 2008. Era con il suo veicolo scientifico taraper attraversare la banchisa che aveva, tra i suoi obiettivi principali, l’esplorazione delle profondità per alimentare modelli di previsione climatica Il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC).

Dirigiti di nuovo così lontano in una spedizione ancora più ambiziosa, che inizierà nell’estate del 2025… e negli ultimi vent’anni. Questa volta, tara non ne farà parte. Invece, la Fondazione ha immaginato, negli ultimi cinque anni, la stazione polare Tara, che è più o meno paragonabile alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nello spazio. “È una barca, una base scientifica, un ospedale, una residenza d’artista, un luogo in cui vivere…” tenta di descrivere Romain Troblet, CEO della Tara Ocean Foundation. È lungo 26 metri e largo 14, che fornisce una vita spazio di 400 mq distribuito su quattro livelli.“Ci sarà una sala macchine, laboratori, luoghi di lavoro, un altro per la vita comune, e un dispensario direttamente collegato all’ospedale di Chamonix *…” A bordo vivranno in estate venti persone , un numero che scende a 12 in inverno, la stagione più difficile”, per consentire a tutti di avere la propria cabina”, spiega Romain Troblet.

Di forma ellittica, la Tara Polar Station sarà lunga 26 m, larga 14 e 400 m, ed abitabile. – @ Fondazione Tara Ocean

“Doppio 500 giorni di diversivi in ​​questo oceano ghiacciato”

Gli scienziati costituiranno la maggior parte dell’equipaggio, ma ci saranno anche marinai, ingegneri e uno chef o giornalisti e occasionalmente artisti in residenza. Le forme intere sono “come un piccolo villaggio al Polo Nord”, come descrive Romain Troublet. Un piccolo borgo che deve essere riconvertito in piena autonomia e “ridurre il più possibile il nostro impatto sull’ambiente”. Tutto è progettato per soddisfare queste due esigenze. Raggiunge la straordinaria forma di questa base ovale. “La soluzione migliore per massimizzare l’efficienza energetica, che è una questione chiave per le missioni che intendiamo svolgere”, spiega il marinaio e biologo. La stazione Tara Polar è inoltre progettata per resistere a temperature di -52°C. Potrà inoltre spedire dieci tonnellate di cibo, avrà un impianto di dissalazione – per produrre fino a 1.000 litri di acqua potabile al giorno – e il riscaldamento centralizzato sarà fornito recuperando calorie dai generatori e integrandolo con una caldaia a biocombustibile.

READ  azienda | Meteo in Provenza: domani le temperature scenderanno temporaneamente

Questo è il potere della stazione Arctic Tara: la capacità di moltiplicare i turni per 500 giorni in questo oceano ghiacciato. “Oggi le spedizioni scientifiche al Polo Nord si svolgono tra luglio e settembre e i rompighiaccio che portano gli scienziati non si fermano mai a lungo in un posto, come paragona Romain Troblet. Tuttavia, fare biologia richiede molto tempo. »

Chris Bowler e altri Gerhard KreinerLo scienziato del clima del CNRS e coautore del sesto rapporto di valutazione del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici nutre grandi speranze per le nuove conoscenze che un tale laboratorio renderebbe possibile. Senza dubbio, però, spiega il secondo: è già nell’Artico che bisogna capire e misurare gli influssi climatici presenti e futuri. “La regione è custode del cambiamento climatico”, spiega. Come gli scienziati avevano previsto cinquant’anni fa, in questa regione gli effetti del riscaldamento globale – Già +1,1°C dall’era preindustriale sono i più tangibili. Quello che segue non è affatto incoraggiante. Le mappe di proiezione del cambiamento climatico, che tracciano i livelli di emissioni di gas serra, contrassegnano l’intera regione in rosso scuro. Dal più ottimista (+2°C entro il 2100) al più pessimista (+4°C).

“L’Artico come guardiano del cambiamento climatico”

Il primo segno visibile è la diminuzione dell’estensione del ghiaccio artico osservata in estate. “Nei prossimi 20 anni, passeremo da un oceano che è ancora in gran parte ghiacciato oggi in estate a un oceano che è sempre più libero, creando un nuovo ecosistema di cui non siamo a conoscenza”, continua Gerhard Keener. Se l’Oceano Artico è in prima linea, anche le regioni circostanti hanno tutto da temere da questo riscaldamento forzato. Dalla Groenlandia, questa enorme calotta glaciale, alla Siberia e all’Alaska. ” là Pergisolo In queste regioni continentali, il terreno è ghiacciato tutto l’anno e contiene molta materia organica, spiega il climatologo. Se il clima nell’Artico cambia, il pergosol si scioglie e la materia organica si decompone, aggiungendo ulteriori emissioni di gas serra. »

READ  Digiuno intermittente e dieta antinfiammatoria?

Questo è il centro nevralgico del sistema climatico che la Tara Polar Foundation intende esplorare costantemente. A tre anni dal primo varo, è ancora presto per sapere nel dettaglio quali primi programmi di ricerca verranno condotti a bordo della nave. Ma Chris Bowler, il co-direttore scientifico della missione, ha già in mente grandi tendenze. “Prima che sia troppo tardi, sarà davvero una questione di caratterizzare la biodiversità marina dell’Oceano Artico e capire come si è adattato a un ambiente così ostile”, ha esordito. Questa presenza durante tutto l’anno ci permetterebbe anche di ottenere i dati che ci mancano per capire il clima artico, per seguire l’andamento stagionale, per indicare i cambiamenti di anno in anno. »

Stazione non ancora costruita

Chris Bowler continua a lungo l’elenco delle promesse fatte a questa stazione di Tara Polar. Tuttavia, il primo passo sarà costruirlo. Questo dovrebbe iniziare entro la fine dell’anno, afferma Romain Troublet. Costo di costruzione: 18 milioni di euro. Il luogo non è ancora noto. “Ma sarà in Europa”, afferma il direttore della Tara Ocean Foundation. Deve durare diciotto mesi. »