Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il 99% delle organizzazioni ha difficoltà a reclutare

Questi numeri non rassicureranno il futuro ministro della Salute. Tutti (o quasi) gli ospedali hanno avuto difficoltà a reclutare, mentre molti posti sono già vacanti, secondo un sondaggio condotto dalla Federazione degli ospedali francesi (FHF) ad aprile e maggio 2022.

Quasi tutte le organizzazioni (99%) incontrano difficoltà nel reclutamento, permanente o occasionale, secondo i commenti di oltre 400 organizzazioni (ospedali, case di cura, ecc.)

Un boom di spese mediche temporanee

Risultato: “Aumentò lo stress del caregiver caregiver (90% degli stabilimenti)”, “Il ricorso al lavoro straordinario e al lavoro interinale è aumentato (67% degli stabilimenti)”.

Quest’ultima opzione è una delle ironie che mostra che il sistema è esaurito. Incapaci di attirare dipendenti a tempo indeterminato, le organizzazioni si rivolgono a dipendenti che applicano tariffe elevate per le ferie. Lavorano a fianco di dipendenti a tempo pieno che guadagnano molto meno dei loro colleghi a notte. Questo non è un incentivo a rimanere in ospedale… e aumenta la pressione sul bilancio delle istituzioni.

Olivier Veran, quando all’epoca era viceministro della sanità, ha cercato di porre fine a questo sistema fissando le guardie a 1.170 euro. Ha dovuto fare marcia indietro prima della rivoluzione mondiale temporanea quando la legge – approvata dalla deputata LREM Stephanie Rist – è stata approvata nell’ottobre 2021. Di fronte alle tensioni sulla forza lavoro, gli ospedali sono stati costretti a rispettare la legge della domanda e dell’offerta. …e ha pagato le guardie ben oltre.

Infine, a causa della carenza di armi, gli ospedali non hanno altra scelta che chiudere temporaneamente i posti letto (57% dei centri ospedalieri, e ancor di più gli ospedali universitari (85%), secondo FHF.

READ  Sono state registrate fino a 5.500 case senza elettricità e 28.000 fulmini

cerca disperatamente infermieri…

Trovare infermieri rimane la priorità numero uno per gli ospedali e le istituzioni per anziani (74% dei centri ospedalieri, 55% dei centri ospedalieri universitari e 41% delle case di cura). Nelle case di cura, anche gli assistenti infermieristici sono estremamente necessari (la priorità numero uno per il 53% degli istituti). Con un puntino nero: la notte resta il periodo più complesso dell’organizzazione.

…ma anche chirurghi e geriatri

Un’altra specialità fuori braccio: la Geriatria si concentra sulle difficoltà di reclutamento con infermieri notturni, come il profilo più complesso da reclutare. Negli ospedali si riscontrano grandi difficoltà anche in termini di chirurgia e sala operatoria. Centri che lottano per l’assistenza quotidiana: medicina, emergenza e psichiatria.

Alti tassi di assenteismo

Nel 2021 l’assenteismo medio al 9,9% è aumentato di un punto rispetto al 2019 (anno di riferimento prima della crisi). Ha una media del 7,4% nel 2012.

Reintegrare i caregiver non vaccinati?

La reintegrazione dei caregiver non vaccinati non salverà il flusso di lavoro, osserva FHF.

“Non c’è un insieme di professionisti da cercare tra gli agenti sospesi per non essere vaccinati. Il numero di professionisti sospesi dal lavoro è stato diviso per 4 tra il 15 settembre 2021 (attuazione dell’impegno vaccinale) e la primavera 2022. Ora rappresenta solo 0,3% del totale degli agenti dell’istituto, da circa 4.000 a 5.000 professionisti in tutte le occupazioni, operatori sanitari e non, su 1,2 milioni di agenti dei servizi ospedalieri pubblici”, osserva lo studio.