Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia critica le dichiarazioni “inaccettabili” di Macron, che accusa Putin di “destabilizzare” il Caucaso.

La Russia giovedì ha criticato i commenti del presidente francese Emmanuel Macron, che ha accusato Mosca di guidare la “destabilizzazione” del Caucaso, sul conflitto tra Armenia e Azerbaigian.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlLa Russia giovedì ha criticato le dichiarazioni “inaccettabili” del presidente francese Emmanuel Macron, che ha accusato Mosca di aver operato una “destabilizzazione” del Caucaso a causa del conflitto tra Armenia e Azerbaigian sull’enclave del Nagorno-Karabakh.

“Le dichiarazioni di Emmanuel Macron secondo cui la Russia utilizzerà il conflitto nel Nagorno-Karabakh per destabilizzare il Caucaso meridionale sono spaventose e totalmente inaccettabili”, ha affermato il ministero degli Esteri russo in una nota.

Mercoledì, il presidente francese ha dichiarato in un’intervista a France 2: “La Russia è intervenuta in questo conflitto, ed è chiaro che ha giocato la partita dell’Azerbaigian con la complicità turca, ed è tornata lì per indebolire l’Armenia”.

“È una manovra per destabilizzare la Russia, che nel Caucaso cerca di creare il caos per indebolirci e dividerci tutti”, ha affermato.

Dal punto di vista della diplomazia russa, queste “dichiarazioni ridicole del presidente francese dimostrano che Parigi non ha alcun interesse a stabilire una pace duratura nella regione e mette in dubbio la capacità del suo Paese di svolgere un ruolo costruttivo lì”.

Il ministero afferma: “A differenza della Francia (…), la Russia ha contribuito in modo pratico alla risoluzione del conflitto”.

L’Armenia, alleato della Russia, e l’Azerbaigian, sostenuto dalla Turchia, hanno combattuto due guerre negli ultimi tre decenni per il controllo del Nagorno-Karabakh.

Il conflitto del 2020 si è concluso con un cessate il fuoco e una mediazione da parte della Russia, che vi ha schierato un contingente di forze di pace.

A settembre, almeno 286 persone sono state uccise in nuovi scontri al confine armeno-azero.

READ  La Commissione Europea difende l'uso dei jet privati ​​da von der Leyen