Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Washington spinge gli alleati dell’Ucraina a fornire “ciò di cui ha bisogno immediatamente”

“Quello che la leadership (ucraina) ha descritto come la cosa di cui hanno un disperato bisogno è la difesa antiaerea”, ha detto giovedì il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin a Bruxelles, un giorno dopo che 50 alleati si sono incontrati per coordinare il loro supporto militare a Kiev.

Tuttavia, per creare lo “scudo antiaereo” richiesto dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky, è necessario creare quella che i militari chiamano una difesa di terra a più livelli.

“Si tratta di sistemi a corto raggio e bassa quota, quindi sistemi a medio raggio e media quota e infine sistemi a lungo raggio e alta quota”, ha detto ai giornalisti mercoledì il capo di stato maggiore degli Stati Uniti, il capo di stato maggiore. Il generale Mark Milley.

Questi tre livelli consentiranno di proteggere gli obiettivi strategici dell’Ucraina, come grandi città, grandi infrastrutture o centri di potere, contro missili balistici, missili da crociera o persino droni.

Gli Stati Uniti hanno promesso di costruire un sistema di difesa aerea NASAMS, le cui prime due copie dovrebbero arrivare presto in Ucraina. Ne hanno ordinati altri sei dal produttore Raytheon, ma questi sistemi di fascia corta, media e media potrebbero non essere consegnati per due o tre anni.

La Germania ha consegnato la prima generazione degli ultimi sistemi di difesa tedeschi Iris-T a Kiev, che dovrà aspettare fino al prossimo anno per gli altri tre promessi. Questo sistema di fascia media ma di fascia alta ha lo scopo di proteggere una piccola città.

Per accelerare il processo, mercoledì gli Stati Uniti hanno esortato i loro alleati a mettere a disposizione le loro attrezzature antiaeree, anche vecchie, a condizione che soddisfino gli standard della NATO.

READ  Decine di migliaia di polacchi sono in strada dopo la morte di una donna incinta

spagnoli

Il signor Austin ha annunciato che la Spagna è stata la prima a rispondere positivamente giovedì: invierà quattro sistemi terra-aria a medio raggio Hawk “Hawk” in Ucraina, accogliendo favorevolmente questa “risposta molto rapida”.

I sistemi dell’era della Guerra Fredda sono stati aggiornati nel corso degli anni. La Spagna ne ha rinnovati alcuni per prolungarne la vita.

Il presidente Emmanuel Macron ha annunciato, mercoledì, che la Francia consegnerà a Kiev “radar, sistemi e missili per proteggere (ucraini) dagli attacchi, in particolare per proteggerli dagli attacchi dei droni”.

© AP

Non ha specificato il modello dei sistemi antiaerei previsti, ma un ufficiale dell’esercito americano ha affermato che il sistema di difesa aerea superficie-aria ad alta quota SAMP/T, noto come “Mamba”, un concorrente europeo dei missili Patriot statunitensi , è in servizio. in Francia, Italia e Singapore.

Di concezione franco-italiana, questo sistema è attualmente coinvolto nella difesa antiaerea della NATO.

“Sembra che gli italiani vorrebbero vedere cosa possiamo offrire come SAMP-T, ma il tutto è molto complesso e deve essere visto con altri partner”, è stato detto giovedì all’Eliseo. “Si tratta di un lavoro in corso date le richieste ucraine”, ha aggiunto.

Il funzionario francese ha sottolineato che Parigi ha fornito anche missili terra-aria a corto raggio, i “Crotel”.

Il Regno Unito ha annunciato mercoledì la spedizione di missili AMRAAM destinati ai sistemi NASAMS forniti dagli Stati Uniti.

Tecnicamente complicato.

Washington è anche interessata al sistema spagnolo Spada 2000, realizzato come il Mamba dal produttore europeo MBDA, ha osservato il funzionario statunitense, che ha chiesto di non essere identificato. Una versione modernizzata del sistema di fascia media e media altezza in servizio dagli anni ’80 in Italia, è stata venduta a Spagna, Kuwait e Pakistan.

READ  Una folla che protesta per il prosciugamento di un fiume a Isfahan

Per fornire difesa contro i missili balistici, Washington prevede di fornire all’Ucraina batterie Patriot a lungo raggio. L’esercito americano, che ne ha scorte limitate, sta facendo pressioni sugli altri paesi che li hanno acquistati affinché si uniscano allo sforzo. Washington sta anche cercando di persuadere Israele a consegnare elementi del suo sistema antiaereo “Iron Dome”.

“Molti paesi hanno missili Patriot. Molti paesi hanno altri sistemi”, ha osservato il generale Milley a Bruxelles. “C’è un’intera gamma di sistemi israeliani che sono molto efficaci”, ha aggiunto.

Una volta consegnati tutti questi sistemi, sarà necessario “assicurarsi che possano essere collegati tra loro dai sistemi di comando e di comunicazione e che abbiano radar in grado di comunicare tra loro, in modo che possano localizzare il loro obiettivo durante l’avvicinamento volo”, ha spiegato il capo di stato maggiore degli Stati Uniti.

“È tecnicamente complicato”, ha aggiunto. “Ci vorrà del tempo.”