Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia avverte gli Stati Uniti: “Non dimenticheremo, non perdoneremo”

La Russia avverte gli Stati Uniti: “Non dimenticheremo, non perdoneremo”

MDomenica prima di partire per New York, il ministro ha detto che Osko “non perdonerà” gli Stati Uniti per aver rifiutato di rilasciare visti ai giornalisti russi che accompagnavano il capo della diplomazia russa Sergei Lavrov lunedì e martedì alle Nazioni Unite.

Lavrov ha avvertito la stampa dicendo: “Non dimenticheremo e non perdoneremo”, denunciando la decisione “vile” di Washington.

La Russia detiene la presidenza di turno del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite questo mese, nel bel mezzo di un’offensiva militare in Ucraina per la quale è stata bandita dal resto del mondo.

“Il paese che si definisce il più intelligente, il più forte, il più libero e il più giusto, è uscito e ha persino fatto qualcosa di stupido”, si è lamentato Lavrov. Ironia della sorte, gli Stati Uniti, rifiutandosi di concedere visti ai giornalisti russi, hanno mostrato, con le sue parole, ” quanto valgono le loro parole” sulla libertà di espressione.

Il suo viceministro, Sergei Ryabkov, domenica scorsa aveva indicato che nonostante “contatti a più riprese negli ultimi giorni” su iniziativa di Mosca, Washington “non ha rilasciato visti” ai “giornalisti che dovrebbero accompagnare Lavrov nel suo esodo” negli Stati Uniti.

Ryabkov ha criticato “l’approccio sfacciato e del tutto inaccettabile” da parte degli americani, denunciando la “presa in giro” degli Stati Uniti, che, secondo lui, “fingono di lavorare” per “trovare una soluzione”.

Leggi anche La guerra in Ucraina: “Kiev ha già dimostrato di poter operare dove meno ce lo si aspetta”

READ  Papa Francesco non presiede alla preghiera di fine anno

Troveremo forme per rispondere a questo, in modo che gli americani ricorderanno a lungo che ciò non è accaduto. E si ricorderanno di lui”, ha avvertito.

L’agenzia di stampa russa RIA Novosti ha citato una fonte diplomatica che ha affermato che in risposta “non c’è dubbio che i giornalisti americani (in Russia) sentiranno tutto il fastidio e il fastidio e un atteggiamento simile da parte delle autorità russe”.

Dall’inizio dell’intervento della Russia in Ucraina, le condizioni per l’emissione di crediti al ministero degli Esteri russo a Mosca, da cui dipendono i visti, sono già state inasprite.

Questo nuovo episodio di tensione tra Mosca e Washington arriva a tre settimane dall’arresto del giornalista americano in Russia, Ivan Gershkovich, sospettato di “spionaggio” da parte delle autorità russe, che gli Stati Uniti e l’interessato smentiscono categoricamente.

Alla domanda su un possibile incontro all’inizio della settimana tra Sergei Lavrov e il suo omologo americano, Anthony Blinken, Ryabkov ha dichiarato che “questo non fa parte dei piani” a questo punto.

L’ultima visita di Lavrov alle Nazioni Unite è stata a New York lo scorso settembre, mentre era in corso la sessione dell’Assemblea Generale. Lunedì è previsto un incontro con il capo delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, prima di presiedere una tavola rotonda sul Medio Oriente il giorno successivo.