Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Ricerca francese non vuole più essere ricattata

La Ricerca francese non vuole più essere ricattata

APer molto tempo andarono a letto presto. La partita fu molto impari e gli accademici francesi dovettero arrendersi. Gli editori scientifici hanno dettato i loro termini. Il modello economico per questo settore è diverso da qualsiasi altro. Per un romanzo o un saggio, l’editore paga all’autore dei diritti d’autore, che variano ampiamente. Quindi vende il libro al pubblico per una somma generalmente modesta. Quando si tratta di pubblicazioni scientifiche, la comunità di ricerca paga per pubblicare e, nei casi peggiori, paga poi per leggere i propri studi.

Come fa un diplomato di maturità+12 ad accettare condizioni così ingiuste? di base. I ricercatori si sono intrappolati. Hanno basato la loro fiducia su un indicatore pericolosamente ambiguo: l’editoria. “Pubblica o muori”, Questa è la legge ferrea di un settore irrigato con soldi pubblici e che gode di una pessima competitività.

Ogni laboratorio, per esistere, deve pubblicare. L’annuale Shanghai University Ranking, che colloca tutte le istituzioni del mondo nella gerarchia didattica, tiene conto, per il 20% del voto finale, del numero di pubblicazioni prodotte durante l’anno. Non tutte le recensioni, ovviamente, sono uguali. Spectrum proviene da pubblicazioni altamente affidabili come natura, Scienze, cellula, Sostanze chimicherevisione O Il bisturiPer nascondere i periodici pubblicati all’estero. Per essere presi sul serio, un comitato di revisione e convalida tra pari è il minimo richiesto. Anche in questo caso gli editori se la passano bene. Anche se far parte di un gruppo di revisione tra pari è un segno di status, i revisori non sono sempre pagati, tutt’altro!

Bollettino di scienza e tecnologia

Grazie!
La tua registrazione è stata presa in considerazione utilizzando l’indirizzo email:

Per scoprire tutte le altre nostre newsletter, vai qui: Aritmetica

Registrandoti accetti le nostre Condizioni Generali d’Uso e l’Informativa sulla Privacy.

Utile netto di 3,6 miliardi di dollari nel 2022

Sebbene il numero di pubblicazioni raggiunga le decine di migliaia, questo settore è altamente concentrato. Solo pochi gruppi pubblicano riviste scientifiche che brillano su scala globale: l’americana Wiley Review, l’American Association for the Advancement of Science, la tedesca Springer e l’olandese Elsevier.

Leggi anche Quiriny – Perché dovresti diffidare delle classificheQuest’ultima, al primo posto al mondo, ha realizzato nel 2022 un utile netto di 3,6 miliardi di dollari (3,3 miliardi di euro), in crescita del 10%, con un margine lordo prossimo al 40%! Per le università francesi questo è troppo. Secondo le nostre informazioni, le trattative in corso con Elsevier sono molto difficili. La ricerca a tre colori, per una volta, procede in gruppo. È rappresentato dall’Unione Unificata delle Università e degli Enti di Ricerca per l’Accesso alle Pubblicazioni Digitali (CUPERTIN), sostenuta dal Ministero dell’Istruzione Superiore e della Ricerca.

La tabella di marcia per i negoziatori di Coubertin è chiara. Elsevier dovrebbe ritrattare le sue affermazioni, che sono stravaganti e superate. Gli olandesi chiedono a Coubertin 125 milioni di euro per un nuovo contratto quadriennale. Un rifiuto categorico da parte del campo francese che voleva un avversario. Quanto ? molto. Non c’è spazio per concessioni simboliche. Parliamo di milioni di euro. “È una guerra di nervi”, riassume un osservatore francese. Ci disprezzano ma sono nella posizione dell’industria musicale prima che arrivasse lo streaming. E lo sanno. Lo sappiamo tutti! »

READ  Il peso dei sentimenti - Pianeta Santi

Vero valore aggiunto

Questa analogia è sorprendente. Come la musica, anche la letteratura scientifica ha ora i propri siti di pirateria, come Sci-hub. Dispone inoltre di operatori alternativi legali, che offrono un’offerta online cosiddetta “ad accesso aperto”. I ricercatori pagano per pubblicare il proprio lavoro, ma è possibile accedervi gratuitamente. Per ora, le alternative non sono riuscite a sconvolgere le grandi aziende, che hanno applicato il buon vecchio metodo Microsoft: limitare se possibile, riacquistare altrimenti. Pertanto, Willy ha acquisito la società egiziana Al-Hindawi nel 2021 per oltre 300 milioni di dollari.

Tuttavia, le crepe nel vecchio sistema sono evidenti. Prestigiose università in Europa, Asia e America negli ultimi anni hanno detto no alle major dell’editoria scientifica. Talvolta ha dovuto ridimensionarsi, come nel caso delle università tedesche, che hanno firmato nuovamente con Elsevier dopo aver tagliato i ponti nel 2017. Il valore aggiunto di un grande editore è reale. Indicizzare e verificare migliaia di pubblicazioni di alto livello non è alla portata di nessuno.

Le trattative tra Coubertin ed Elsevier dovrebbero concludersi entro il 31 dicembre, data di scadenza dell’attuale contratto. Pubblica o muori, va bene, ma non ad ogni costo.