Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La porta dell'aereo Boeing si è staccata durante il volo: questa la causa esatta dell'incidente, secondo il primo rapporto dell'inchiesta

La porta dell'aereo Boeing si è staccata durante il volo: questa la causa esatta dell'incidente, secondo il primo rapporto dell'inchiesta

L'agenzia ha raccolto documenti scritti e foto che mostrano che i dipendenti della Boeing hanno rimosso quattro rivetti in questi punti durante un'ispezione presso lo stabilimento di Renton, Washington, prima che l'aereo fosse consegnato lo scorso ottobre.

L'intervento è stato effettuato per sostituire cinque viti danneggiate nella cabina dell'aereo. Altre foto scattate dopo la sostituzione delle viti mostrano che in almeno tre punti le viti non erano state reinstallate.

Questa porta veniva utilizzata per bloccare un'uscita e non era destinata ad essere aperta, poiché questo modello dispone già di sufficienti uscite di emergenza in questa configurazione.

Il 5 gennaio, è decollata a bordo di un Alaska Airlines Max 9 che avrebbe dovuto collegare Borland, Oregon, a Ontario, California. L'incidente ha lasciato solo alcuni feriti lievi.

Prima che il rapporto NTSB fosse pubblicato, l’Alaska aveva già segnalato “scarsa sicurezza delle attrezzature” dopo le ispezioni iniziali.

United Airlines, che possiede la più grande flotta di aerei 737 Max 9 (79 aerei), ha affermato che durante le ispezioni ha scoperto “bulloni che devono essere serrati”.

Negli ultimi mesi Boeing ha vissuto altri episodi di guasto e in particolare è stata costretta a rallentare le consegne a causa di problemi alla fusoliera, soprattutto alla paratia posteriore dell'aereo.

Martedì, durante un'audizione al Congresso, il nuovo capo della Civil Aviation Regulatory Agency (FAA) degli Stati Uniti, Mike Whitaker, ha ritenuto necessario rafforzare la supervisione della Boeing dopo l'incidente del 737 MAX 9.

“Ci sono stati problemi (con Boeing) in passato che sembrano non essere stati risolti”, ha detto il nuovo amministratore della FAA, entrato in carica a ottobre, durante un'audizione davanti alla sottocommissione per l'aviazione della Camera.

READ  Coronavirus: il capo di Ryanair non vuole "imbecilli anti-tasse" a bordo

Ha continuato: “Pertanto, riteniamo che sia necessario aumentare il livello di supervisione per affrontare questa questione”.