Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rapporto schiacciante della Boeing della Transportation Safety Agency

Il rapporto schiacciante della Boeing della Transportation Safety Agency

Al supporto della copertura dell'aereo mancavano quattro viti. Le voci circolavano già da alcuni giorni e sono state confermate martedì 6 febbraio dall'indagine provvisoria condotta dalle autorità statunitensi, guidate dal National Transportation Safety Board (NTSB). Il Boeing 737 MAX 9 dell'Alaska Airlines, che ha preso il volo venerdì 5 gennaio, con un “tappo” al posto di un'eventuale porta aggiuntiva, ha lasciato gli stabilimenti Boeing senza i suoi bulloni. La prova è che non c'erano segni di strappo dove avrebbero dovuto esserci queste famose viti. “Tipi di danni osservati e assenza di danni di contatto o deformazioni attorno ai fori associati ai perni di arresto [de la porte] Indicare quattro viti (…) mancava” scrive l'NTSB nel suo rapporto iniziale di 19 pagine.

Leggi la decodifica: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Schianto dell'Alaska Airlines evitato: Boeing sotto pressione dopo l'affidabilità del 737 Max messa in discussione

Sia la fusoliera che i tappi delle porte sono stati prodotti da Spirit AeroSystems, un'ex filiale della Boeing con sede in Kansas. L'assemblaggio è arrivato in treno allo stabilimento Boeing di Renton, Seattle, il 31 agosto. Il giorno successivo, la Boeing ha riparato cinque bulloni danneggiati con uno dei suoi subappaltatori, il che ha richiesto la rimozione della falsa porta e dei suoi bulloni. L'NTSB non ha detto chi ha rimosso le viti, ma ha presentato la prova che non erano state rimesse al loro posto, producendo una foto della porta falsa, con tre viti mancanti: la posizione della quarta non è visibile nella foto – prima che l'interno dell'aereo fosse restaurato.

READ  Finanziamento di 5.500 miliardi di dollari: le compagnie petrolifere sono ben rifornite dalle banche

L'immagine faceva parte di un messaggio di testo inviato tra i dipendenti Boeing il 19 settembre 2023, che… “Il restauro interno è stato discusso dopo il completamento della revisione del rivetto.”Lo dice il rapporto. L'aereo è stato consegnato ad Alaska Airlines alla fine di ottobre. La qualità della chiusura, che pesa 28,5 chilogrammi ed è stata prodotta nel marzo 2023 in Malesia, non è in dubbio, così come i lavori di installazione del Wi-Fi a Oklahoma City, dopo la consegna dell'aereo alla Alaska Airlines. L'incidente è ancora più devastante per la Boeing perché è comprensibile a tutti e degno di un film catastrofico.

Clienti arrabbiati

Qualunque siano le conclusioni finali, Boeing è responsabile di quanto accadutoha affermato David Calhoun, amministratore delegato dell'azienda. Un evento del genere non dovrebbe accadere su un aereo in partenza dalla nostra fabbrica. » All'inizio del 31 gennaio, presentando i risultati annuali del produttore di aerei, il signor Calhoun ha riconosciuto la responsabilità della sua azienda. “Abbiamo creato noi il problema. Nelle ultime settimane ho avuto conversazioni difficili con i nostri clienti, con i nostri regolatori, con i leader del Congresso e altri. Comprendiamo perché sono arrabbiati e lavoreremo per guadagnare la loro fiducia.”Il signor Calhoun ha detto agli analisti finanziari.

Hai il 45% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.