Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La nave libellula aliena si dirigerà verso Titano, una delle lune di Saturno!

La nave libellula aliena si dirigerà verso Titano, una delle lune di Saturno!

Dopo diversi anni di alti e bassi e dubbi, La NASA lo ha appena confermato La missione Dragonfly su Titano, la luna più grande di Saturno, è stata definitivamente verificata. Con un budget di 3,35 miliardi di dollari, il lancio è previsto per luglio 2028 e raggiungerà la sua destinazione nel 2034.

“Ciò rappresenta un aumento di circa il doppio del costo proposto e un ritardo di oltre due anni rispetto alla data di selezione iniziale della missione nel 2019”, ha confermato l'agenzia spaziale americana nel suo comunicato stampa.

Indipendentemente da ciò, Dragonfly promette di essere una delle missioni spaziali più emozionanti del prossimo decennio. Questo elicottero, la cui progettazione definitiva, costruzione e test potranno iniziare, beneficerà delle lezioni apprese dall’esperienza Ingenuity.

L'elicottero arrivato su Marte con il rover Perseverance nel febbraio 2021 ha superato ogni aspettativa. La sua missione iniziale consisteva in cinque voli di prova. Ma ne ha realizzati 72! Ha servito come esploratore per Perseverance e ha dimostrato l'importanza di una macchina volante per esplorare il pianeta.

Fonte immagine: © NASA/Johns Hopkins APL/Steve Gribben

Nello specifico, l'atmosfera densa e tranquilla di Titano lo rende adatto all'esplorazione atmosferica. Pertanto, Dragonfly esplorerà diverse regioni di Titano per caratterizzare l'abitabilità del loro ambiente utilizzando il laboratorio di analisi di bordo. La NASA prevede di farlo percorrere diverse centinaia di chilometri durante la sua missione.

Il Dragonfly è dotato di otto rotori e vola come un drone. Sarà alimentato da un generatore termoelettrico a radioisotopi multifunzione (Generatore termoelettrico a radioisotopi polivalenti, MMRTG). Questo sistema di alimentazione è lo stesso utilizzato dal rover Curiosity su Marte.

READ  Salute: nuove disposizioni sull'uso delle mascherine chirurgiche negli ospedali di La Réunion - LINFO.re

Quello che sappiamo di Titano

Situato a 1,2 miliardi di chilometri dal nostro pianeta, Titano interessa la comunità scientifica perché questo mondo oceanico è l'unica luna del nostro sistema solare con un'atmosfera densa. Il suo ciclo idrologico è simile a quello terrestre, con nubi di metano, pioggia e liquidi che scorrono in superficie per alimentare laghi e mari.

Titano offre una rara opportunità di esplorare le origini della chimica prebiotica al di fuori dell'ambiente terrestre “, spiega la NASA. Lo studio dei materiali organici complessi presenti sulla superficie potrebbe fornire preziose lezioni sulle precondizioni per l'emergere della vita sulla Terra.

Titano, un mondo avvolto nel mistero

Uno spesso strato di nubi di metano oscura la superficie di Titano e impedisce l'osservazione approfondita delle sue caratteristiche geologiche. Le prime osservazioni furono effettuate dalle sonde Voyager nel 1979 e nel 1980. Nel 1994, il telescopio Hubble ha completato questo approccio con immagini nel vicino infrarosso.

Ma il mistero di Titano fu risolto solo nel 2004 grazie a Cassini. La sonda spaziale della NASA ha mappato gran parte della superficie, rivelando fiumi, laghi e mari contenenti etano e metano liquidi, nonché dune di sabbia.

Ha inoltre effettuato studi dettagliati sulla sua atmosfera. Poi, nel 2005, Cassini lanciò la sonda Huygens sulla superficie di Titano. Il dispositivo ha studiato i venti e ha scattato foto dettagliate della superficie.

Con Dragonfly, la NASA ha diversi obiettivi

– Prelievo di campioni di materiali superficiali e analisi mediante spettrometria di massa per determinare i componenti chimici e i processi che producono composti biologicamente rilevanti.

– Misurazione della composizione elementare della superficie mediante spettroscopia di raggi gamma attivata da neutroni;

READ  La legalità teme possibili scioperi nel settore della sanità e dell’istruzione

– Monitoraggio delle condizioni meteorologiche e superficiali, comprese le variazioni diurne e spaziali, mediante sensori meteorologici.

– Produzione di immagini di caratteristiche geologiche.

– Condurre studi sismici per rilevare l’attività e la struttura dell’interno della Terra.

Dragonfly eseguirà anche analisi in volo per produrre immagini aeree, produrre viste aeree della geologia di superficie, contestualizzare misurazioni di superficie e identificare siti di interesse. La durata della missione è prevista per due anni. Ma chissà, se Dragonfly mostra la stessa resistenza di Ingenuity, forse durerà molto più a lungo?