Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La morte di Guillaume Bats: le commoventi lettere di Jeremy Ferrari ed Eric Antoine

La morte di Guillaume Bats: le commoventi lettere di Jeremy Ferrari ed Eric Antoine

In occasione di un programma in onore del comico Guillaume Bats, scomparso il 2 giugno, il giovane Eric Antoine ha ricordato il 7 giugno ai microfoni di “Loft Music Sud Radio”.

Il mago di 46 anni è tornato per incontrarli. Mentre Eric Antoine partecipava allo spettacolo comico “Les Duos Impossibles”, che ha dato il via a questo festival, Jeremy Ferrari gli ha chiesto di formare un duetto con Guillaume Bats. “Nello sketch che ho scritto per la nostra performance, ho detto che era un uomo in tutto, un artista, un comico, un’opera d’arte: Picasso. E la nostra amicizia è iniziata lì. È stato un momento molto dolce e interessante”.

Umorismo nero atipico

Il conduttore di M6 ha anche menzionato il senso dell’umorismo “molto personale” di Guillaume Bats. “Ha un senso dell’umorismo commovente […]. Guarderà profondamente dentro se stesso. Ovviamente c’era molto della sua vita, le sue esperienze erano davvero straordinarie. Perché il giovane comico raccontava nelle sue battute la sua “esperienza unica e totalmente determinante” come nascere con 46 fratture, essere abbandonato dalla sua famiglia biologica o essere adottato. “Con lui c’era la poesia, che ho apprezzato di più. È riuscito a ridere della sua storia e a farci ridere insieme ad essa”.

Scherzo bello e brutto

Da quando sono scomparsi, i due artisti sono diventati sicuramente amici ma anche collaboratori. Nel 2013, Eric Antoine ha coprodotto con Jeremy Ferrari il primo spettacolo di Guillaume Bats, “Attention à la tête”.

Dopo aver firmato il contratto, il defunto umorista gli ha detto: “Firmami in fretta perché la mia aspettativa di vita è così breve”. Uno scherzo in origine, solo che il grande mago lo prese alla lettera: “Ero convinto che fosse vero, e che non fosse una valvola”.

READ  Il re Filippo e la regina Mathilde a Londra nel giorno del fondatore del Royal Hospital Chelsea

Ma qualche anno dopo, Guillaume Bats lo ha rassicurato dicendo che non era serio: “Quando Jeremy ha letto ed è stata la mia ultima offerta, Guillaume mi ha detto: ‘Sai, ho la speranza di una vita perfettamente normale, l’ho fatto mi incastreresti molto velocemente.'”

Ha concluso: “Abbiamo condiviso i nostri momenti più intimi, quando abbiamo parlato di amore, vita quotidiana, coniugi, figli… Argomenti di cui parliamo con un amico”.

Un amico taggato per sempre

Come Eric Antoine e molti comici, Jeremy Ferrari gli ha reso omaggio la scorsa settimana, il giorno in cui è stata annunciata la sua scomparsa. Poi il produttore 38enne ha svelato, attraverso il suo account Instagram, le circostanze della morte di Guillaume Bats.

Il comico era programmato per una convention il giorno prima alle 19:30. Ma dopo che non è venuto alla riunione e non ha risposto alle sue chiamate, lo sceneggiatore è venuto a casa sua. E ha continuato: “E l’ho trovato morto nel suo letto, forse mentre dormiva, ma i medici non lo hanno ancora confermato”.

Dopo il calvario, il direttore di Dark Smile Productions ha detto ai suoi abbonati di conservare solo “il talento, il coraggio, la forza e la luce” della persona che ha chiamato il suo “fratellino”.

Una star della commedia è andata via troppo presto

I suoi produttori hanno dato l’annuncio della scomparsa di Guillaume Bats la mattina del 2 giugno. Affetto da osteoporosi, il compianto comico è diventato famoso sui social network per le sue scene comiche, in cui prendeva in giro soprattutto la sua disabilità.

Scoperto dal pubblico nel dicembre 2011, nel programma di Laurent Ruquier “On n’demande qu’en rire”, l’attore ha poi ospitato la prima parte di The Anthony Kavanagh Show o addirittura Jean-Marie Bigard.

READ  "Mi è costato 600 euro affittare il loro appartamento e non ho ricevuto un solo ringraziamento alla fine del loro soggiorno"

Il comico è, dal gennaio 2023, in tournée in tutta la Francia con il suo nuovo spettacolo “Inshallah”, con Jeremy Ferrari.