Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La morte della regina Elisabetta II: un uomo si avvicina alla bara per un motivo sorprendente

L’uomo è stato arrestato. Cercò di avvicinarsi alla bara per verificare che la regina fosse davvero morta. Non crede alla sua morte.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlIl giudice che è apparso davanti a lui martedì ha detto che l’uomo che è stato arrestato nella Westminster Hall dopo aver tentato di avvicinarsi alla bara di Elisabetta II, rivelata in modo che gli inglesi potessero porgere l’ultimo saluto, voleva verificare che fosse effettivamente morta.

Venerdì, Muhammad Khan, 28 anni, aveva fatto una lunga fila attraverso Londra per avvicinarsi alle spoglie del re, morto l’8 settembre all’età di 96 anni.

Appena entrato nella Westminster Hall, dove giaceva, lasciò il tappeto in direzione della bara e afferrò con entrambe le mani il pezzo di stoffa che era coperto dalla bara.

È stato subito arrestato dalla polizia ed è comparso davanti alla Westminster Magistrates Court martedì per due accuse di disturbo dell’ordine pubblico.

illusioni

Il giudice Michael Snow ha affermato che l’imputato “soffre di delirio e crede che la regina non sia morta”, “crede che re Carlo abbia qualcosa a che fare con questo e che possa andare al castello di Windsor per onorarla, ma anche perché continua a crede di essere viva”.

Il giudice non ha interrogato Muhammad Khan, che i medici hanno ritenuto non idoneo a partecipare al procedimento. Ha appena confermato il suo nome, data di nascita e indirizzo e ha inserito una volta.

“L’imputato ha affermato che la regina non è morta e che si è avvicinato alla bara perché voleva indagare su se stesso”, ha detto il querelante dettagliato Luke Staton.

Muhammad Khan è stato rilasciato su cauzione a condizione che rimanga in un ospedale psichiatrico nella zona est di Londra, fino alla sua prossima apparizione nella stessa corte il 18 ottobre.

READ  Deep America affascinata dal processo di Deep Heard