Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina del 13 marzo: duri combattimenti per il controllo di Bakhmut, discussioni sull’affare del grano

La guerra in Ucraina del 13 marzo: duri combattimenti per il controllo di Bakhmut, discussioni sull’affare del grano

Lunedi pesanti combattimenti tra russi e ucraini per il controllo del centro di Bakhmut, una città nell’Ucraina orientale che sta assistendo alla battaglia più lunga e sanguinosa dall’inizio dell’invasione russa.

Il generale Cirsky ha sottolineato che i soldati ucraini “hanno inflitto pesanti perdite al nemico” in questi scontri. E il signor Prigogine ha riconosciuto che Wagner, che era già riuscito a tagliare diverse importanti vie di rifornimento per i soldati ucraini schierati lì, stava affrontando una feroce resistenza.

L’esercito russo continua i suoi attacchi in parallelo in altre regioni.

Sul fronte diplomatico, lunedì il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato al Cremlino il leader ceceno Ramzan Kadyrov, mentre il nuovo presidente ceco Petr Pavel e il presidente slovacco Zuzana Shaputova hanno ribadito il loro sostegno all’Ucraina in una conferenza stampa congiunta a Bratislava.

Lo stesso giorno, la Russia si è offerta di prorogare per soli 60 giorni l’accordo sulle esportazioni di grano ucraino, in scadenza il 18 marzo, offerta criticata da Kiev, che l’ha considerata una messa in discussione dell’accordo iniziale.

Da parte sua, la Corte penale internazionale (ICC) vuole perseguire i russi per crimini di guerra in Ucraina, ha scritto lunedì il New York Times, citando due casi principali: il caso di bambini portati in Russia e il caso di attacchi deliberati alle infrastrutture civili.

READ  La crociera diventa un incubo per una coppia che chiede più di 1 milione di euro a TUI: "esperienza dolorosa"