Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La fine dello storico sciopero degli sceneggiatori a Hollywood? È stato raggiunto un accordo provvisorio

La fine dello storico sciopero degli sceneggiatori a Hollywood?  È stato raggiunto un accordo provvisorio

I membri della WGA, che rappresenta almeno 11.000 sceneggiatori, dovranno decidere entro la settimana su questo accordo di principio con gli studios. Ciò include la maggior parte delle richieste avanzate dal settore, come l’aumento delle royalties pagate per i contenuti in streaming e le garanzie relative all’uso dell’intelligenza artificiale.

Un simile movimento di sciopero non si osservava a Hollywood dagli anni Sessanta e questo duplice movimento sociale, in cui agli sceneggiatori si unirono attori con le stesse esigenze, fermò la produzione cinematografica e televisiva americana per quasi cinque mesi.

“Abbiamo raggiunto un accordo di principio sul nuovo accordo minimo di base per il 2023, ovvero un accordo di principio su tutti i punti dell’accordo, tenendo conto della formulazione finale del contratto”, si legge nella lettera della Hollywood Screenwriters Guild. (WGA) inviato ai suoi membri.

“Possiamo dire, con orgoglio, che questo accordo è eccezionale – con vantaggi e protezioni significativi per gli sceneggiatori in tutti i settori di attività dei membri”, ha affermato la WGA.

La lettera, che l’Agence France-Presse ha potuto visionare, non contiene i dettagli dell’accordo, ma indica che i dettagli sono in fase di elaborazione e che i membri avranno l’ultima parola.

Il sindacato ha aggiunto: “Per essere chiari, nessuno dovrebbe tornare al lavoro finché non avrà il permesso esplicito del sindacato. Fino ad allora saremo ancora in sciopero. Ma da oggi sospendiamo i picchetti. Sciopero WGA”.

Migliaia di scrittori cinematografici e televisivi si sono messi all’opera all’inizio di maggio per chiedere una retribuzione migliore, bonus migliori per la creazione di programmi di successo e protezione dall’intelligenza artificiale.

Da mesi organizzano sit-in con aziende come Netflix e Disney, a cui si sono uniti attori in sciopero a metà luglio, paralizzando l’industria dell’intrattenimento.

READ  I suoi giorni sono contati, la terribile frase che Alain Delon (88 anni) ha detto in privato: “È...

Le trattative sono rimaste ferme per settimane fino a poco tempo fa, con il coinvolgimento dei dirigenti di Netflix, Disney, Universal e Warner Bros.. Discovery è stata personalmente in trattative negli ultimi giorni.

Tra le loro richieste, gli autori sostengono che i loro stipendi non hanno tenuto il passo con l’inflazione. Vogliono anche poter guadagnare di più quando uno dei loro film o serie diventa un successo sulla piattaforma di streaming, invece di ricevere una somma forfettaria, che generalmente è molto bassa, indipendentemente dalla popolarità dello spettacolo.

Entrambi i personaggi vogliono anche garanzie contro l’uso dell’intelligenza artificiale: gli attori temono di vedere riprodotte le loro immagini o voci, mentre gli sceneggiatori temono che l’intelligenza artificiale possa essere utilizzata nelle sceneggiature e potrebbero essere pagati meno, o che le loro sceneggiature possano essere utilizzate per addestrare i robot.

Lo sciopero della Screenwriters Association è molto più lungo dello sciopero degli sceneggiatori del 2007-2008, che durò 100 giorni e costò all’economia della California 2,1 miliardi di dollari.

All’inizio di settembre, il Financial Times ha pubblicato uno studio del Milken Institute che stimava il costo dell’attuale chiusura di Hollywood a 5 miliardi di dollari.

Anche se l’accordo con gli sceneggiatori sarà concluso, lo sciopero degli attori continuerà.

Il loro sindacato, SAG-AFTRA, il sindacato degli attori, che conta 160.000 iscritti, non parla con i datori di lavoro da metà luglio.

Ma i due sindacati condividono molte richieste simili e la stampa specializzata ritiene che un accordo con la WGA potrebbe contribuire a spianare la strada alla risoluzione dello sciopero degli attori.