Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La fine della vita: “Niente mi farà tacere”, questi deputati francesi che hanno osato far sentire la loro voce discordante

Non sorprende che il suo gruppo si opponga fondamentalmente all’assistenza efficace alla morte, una delle disposizioni chiave del disegno di legge, ma lei personalmente la sostiene pienamente. “Credo che dovremmo avere la libertà di scegliere la fine della nostra vita, in silenzio e in pace. È un diritto individuale e collettivo di cui dobbiamo godere ed è assolutamente necessario perché lo sostiene l’80% dei francesi.“.

Tra i membri del Partito della Sinistra ci sono una decina di deputati, su 60 deputati, che non seguono la linea ufficiale del partito. Ricordiamo che il testo annunciato dal Capo dello Stato prevede in particolare l’istituzione della morte assistita (con un prodotto letale) per le persone affette da una malattia terminale con diagnosi pericolosa per la vita, l’istituzione di case di cura per le persone in ospedale fine vita e il rinnovamento dell’approccio alla gestione del dolore e alla gestione del fine vita, a partire dall’integrazione del concetto di cure palliative nel concetto di cure di supporto.

Otto anni dopo la legge Claes-Leonetti, in aprile Emmanuel Macron annunciava un testo sulla morte assistita, un quadro che consentirebbe il ricorso anonimo all’eutanasia.

Strappi interni

I repubblicani non sono l’unica famiglia politica ad essere dilaniata alla fine della vita: all’interno di ogni campo – dai comunisti ai nazionalisti di estrema destra – si leva una cacofonia di voci, che illustra la complessità e la sensibilità di questa questione morale e sociale. A sinistra, anche il deputato socialista della Merthe-et-Moselle Dominique Boutier intende far sentire la sua musichetta, anche a costo di scioccare la maggioranza dei suoi compagni che da anni chiedono l’attuazione dell’aiuto attivo alla morte (da nel 2017, cinque funzionari eletti hanno presentato proposte legislative molto simili).

READ  "Puoi chiamare tuo figlio Stephen o Johnny, ma non..."

Questo diritto di uccidere sarebbe una rottura“, ci spiega. Questa legge, che senza dubbio sarà ampiamente votata, sarebbe altamente indecente e altrettanto anti-repubblicana. A mio avviso si tratta di una tendenza che può fare delle persone più fragili e fragili le prime vittime.E va oltre: “Come si può essere di sinistra e difendere un testo del genere? Lui protesta. Se questo è progressismo….

Tuttavia, la sua famiglia politica si batte da anni per legalizzare l’assistenza attiva alla morte. “Dobbiamo ascoltare le richieste di coloro che, rimanendo cittadini a pieno titolo, considerano la loro vita poco più che mera sopravvivenza e incompatibile con il loro concetto personale di dignità umana. […] Nella morte occorre fornire un aiuto attivo, umano e responsabile invece di sofferenze che possono durare diversi giorni o addirittura diverse settimane.“, descrive il PS in un comunicato stampa. Alcuni, come l’ambientalista Sandrine Rousseau, si battono addirittura per un maggiore accesso all’eutanasia rispetto a quanto previsto dal testo del governo.

“La pratica dell’eutanasia in Belgio si trova su un percorso di deviazioni preoccupanti”.

“Libertà di voto secondo anima e coscienza”

Secondo il politologo Alexis Massart, l’esistenza e l’espressione di opinioni divergenti all’interno di ciascun gruppo politico, come nel caso del matrimonio paritario, della depenalizzazione dell’aborto o dell’abolizione della pena di morte, è piuttosto “Rassicurato“.”A parte le solite divisioni che troviamo tra i diversi partiti, ascoltiamo argomenti più profondi e meno caricaturali su questioni sociali. A volte i gruppi parlamentari si accordano addirittura per non dare istruzioni di voto alle proprie forze e per permettere a tutti di votare secondo la propria anima e coscienza.“.

READ  Guerre en Ukraine: un opposant russe de renommée arrêté pour «fausses informations»

Resta essenziale che i dissidenti non abusino della libertà di espressione loro concessa dal partito. “Tutto dipende dal tono che il parlamentare usa nella disputa, dalla frequenza e dall’intensità della sua opposizione, Lo conferma il politologo. Tuttavia, se esprime un’opinione personale derivante da una convinzione o da un’esperienza di vita, sarà tollerato. Se davvero vuole fare uno scherzo politico, come hanno fatto i ribelli sotto François Hollande, questo potrebbe non essere ampiamente accettato.“.

Dominique Pottier (PS), dal canto suo, sa bene di camminare sui gusci delle uova: “Questa libertà di espressione che posso avere all’interno del mio gruppo, mi sforzo di usarla in modo intelligente. Non mi sono stati posti limiti; Niente mi farà tacere, ma devo restare al posto che mi spetta, senza cercare di attirare tutta l’attenzione perché la mia posizione è minoritaria”.

“Le persone che chiedono l’eutanasia sono molto vive, più di me”.

Il suono della campana non è lo stesso di quello di destra. Il deputato della LR Frédéric Meunier ha addirittura accusato il suo partito di “Calcoli politici“.”Sono contrari al disegno di legge presentato dal governo. La cosa peggiore è che sono convinto che i loro calcoli non siano buoni: a dieci giorni dalle elezioni europee appariremo ancora come un partito conservatore antiquato e incapace di svilupparsi.dice, escludendo con forza l’idea di abbandonare la sua formazione.

Secondo Alexis Massart i calcoli politici possono esistere di fatto, anche se non impediscono l’onestà: “Esprimere disaccordo con la famiglia politica è anche un modo per il funzionario eletto di dimostrare la sua moralità e il suo coraggio politico ai suoi elettori. Se è possibile scrivere una storia dietro convinzione personale… perché privarsene? ! “, ha scherzato.

READ  "Non è possibile.. Dobbiamo trovare una soluzione" (foto)

“La stessa democrazia”

Alle divisioni interne tra i nostri rappresentanti eletti sul delicato tema della fine della vita è stato, perlomeno, riconosciuto il merito di aver mantenuto vivo il dibattito parlamentare. “Ciò dimostra che i nostri gruppi politici non sono uniti e ritengo che ciò sia una forma vitale di democraziaDominique Pottier ci crede. “Le domande che toccano questioni intime scuotono le carte politiche, e questo è un bene”.

E così Frédéric Meunier, per la prima volta dopo sette anni, ha parlato con un deputato del Rinascimento concordando con la sua posizione. “Noi socialisti, con i comunisti, i centristi e i repubblicani, possiamo avere la stessa preoccupazione per gli altri, la stessa concezione dell’uomo. Vuole credere a Dominique Boutier, che invece precisa che “Anche se siamo d’accordo con alcuni funzionari eletti dell’estrema destra sulla questione della fine della vita, i confini con loro sono infallibili”..