Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La droga nel fiume San Lorenzo è un problema cronico

La droga nel fiume San Lorenzo è un problema cronico

Secondo un nuovo studio condotto a Montreal, le concentrazioni di prodotti farmaceutici nel fiume San Lorenzo a volte superano i limiti oltre i quali si possono osservare effetti tossici su animali e piante. I fiumi che sfociano nel fiume hanno lo stesso problema.


“Altri studi hanno dimostrato la presenza di prodotti farmaceutici nei corsi d'acqua, anche in Quebec, ma disponiamo di dati nell'arco di cinque anni che dimostrano che si tratta di una condizione cronica, non di un problema occasionale”, spiega Sébastien Sauvy, chimico della Columbia University. Montreal, che è l’autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Ecologia olistica.

Tuttavia, viene rispettata solo la norma canadese per un prodotto farmaceutico. Questa è la carbamazepina, che è un anticonvulsivante. “Ma per molti altri prodotti farmaceutici esistono studi tossicologici nella letteratura scientifica”, afferma Sufi. Abbiamo calcolato il quoziente di rischio da questi studi. » Sono state registrate anche elevate concentrazioni di caffeina.

Un'ampia percentuale di campioni provenienti da vie navigabili supera questo livello di rischio per l'ibuprofene (28% dei campioni) e l'antinfiammatorio diclofenac (59% dei campioni).

Foto per gentile concessione di Marc-Antoine Vaudroy

Il contenitore utilizzato durante la campagna di campionamento

Un'unità di ozono progettata per l'impianto di trattamento delle acque reflue di Montreal nel 2028 dovrebbe eliminare le molecole farmaceutiche. Ma in determinate condizioni, un'unità di ozono può produrre sottoprodotti di queste molecole farmaceutiche, che sono più tossiche, secondo Sovi. “Se il flusso è eccessivo, ad esempio durante una forte pioggia, il trattamento nell'unità di ozono potrebbe non continuare abbastanza a lungo per eliminare questi sottoprodotti.” Sarà quindi necessario interrompere il processo di ozonizzazione per un certo periodo di tempo, o creare stagni di detenzione più alti della fabbrica.

Le organizzazioni sono in contatto

I campioni sono stati prelevati a valle e a monte dello scarico degli effluenti dall'impianto di trattamento delle acque reflue di Montreal. A monte, le concentrazioni di sostanze farmaceutiche stanno lentamente aumentando a causa degli effluenti degli impianti di trattamento delle acque nelle città suburbane. Ha poi un picco di fronte al luogo in cui l'acqua liquida di Montreal scorre verso est dell'isola.

“Possiamo vedere dove salgono in superficie gli effluenti dell'impianto di trattamento”, spiega Marc-Antoine Vaudreuil, dottorando e coautore dello studio. «È visibile e ha un odore». I rifiuti liquidi superficiali possono essere visti per diversi chilometri e i prodotti farmaceutici possono essere misurati per oltre 70 chilometri fino al lago Saint-Pierre.

Il lontano picco può essere osservato in Quebec e le concentrazioni di molecole farmaceutiche possono essere misurate fino al punto in cui si avverte l'effetto dell'acqua salata. “Con il sale, la materia organica si deposita molto rapidamente”, afferma il signor Sauvé.

Il prossimo passo sarà misurare gli effetti di questi farmaci sugli organismi fluviali. Non vi è alcun accumulo significativo di queste particelle nei sedimenti, a causa dell'elevata portata del fiume. Ma gli organismi possono ancora entrare in contatto con questi prodotti farmaceutici nell'acqua, dice Sauvi.

Per saperne di più

  • 7200 nanogrammi per litro
    La concentrazione massima di caffeina si osserva nel fiume San Lorenzo vicino a Montreal

    fonte : Ecologia olistica

READ  Transistor termico rivoluzionario per un controllo preciso del calore distribuito