Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Corte Internazionale di Giustizia chiede che i palestinesi siano protetti dal “pericolo reale e imminente” di genocidio

La Corte Internazionale di Giustizia chiede che i palestinesi siano protetti dal “pericolo reale e imminente” di genocidio

Raramente si è atteso in questo modo un ordine della Corte internazionale di giustizia. Dopo che il Sudafrica è stato deferito alla più alta corte delle Nazioni Unite, che accusa Israele di aver commesso un genocidio nella Striscia di Gaza, i palestinesi e i loro sostenitori hanno espresso la speranza che i giudici dell’Aja ordinino allo Stato ebraico di fermare le sue operazioni nella Striscia di Gaza. fascia costiera. Da parte loro, Israele e i suoi sostenitori volevano credere che i giudici avrebbero insabbiato il caso dichiarando infondata la richiesta di Pretoria.

Il risultato è misto. La Corte internazionale di giustizia non è arrivata al punto di chiedere la cessazione delle ostilità a Gaza, ma ha confermato la validità dell’approccio del Sudafrica, considerando che esiste “Pericolo reale e imminente” per i diritti dei palestinesi, compresa la loro protezione dal genocidio. A tal fine i giudici hanno emesso sei misure cautelari, la più importante delle quali è il ricorso presentato a Israele “Prendere tutte le misure in suo potere per impedirne la commissione Di azioni » Genocidio.

Dopo aver letto l'ordinanza, la presidente della Corte internazionale di giustizia, l'americana Joan Donoghue, ha ricordato che in questa fase i giudici non dovrebbero decidere sulla questione se Israele stia commettendo un genocidio contro i palestinesi di Gaza. Questa procedura sostanziale può richiedere mesi o addirittura anni. Ma il Sudafrica, che si è rivolto alla Corte il 29 dicembre 2023, ha chiesto misure di emergenza e i giudici hanno accolto questa richiesta a stragrande maggioranza.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Guerra tra Israele e Hamas: il Sudafrica intraprende un’azione legale internazionale per “genocidio”

Le misure provvisorie di protezione stabilite dalla Corte internazionale di giustizia sono state adottate da quindici o sedici dei diciassette giudici che si sono pronunciati sul caso. Oltre a prevenire atti di genocidio e a garantire che le sue forze armate rispettino tale obbligo, la Fondazione dell’Aja ha ordinato a Israele di: “Prevenire e punire l’incitamento diretto e pubblico a commettere un genocidio”.

I giudici hanno sottolineato le dichiarazioni provocatorie fatte da un certo numero di alti leader israeliani, tra cui il presidente Isaac Herzog – “La responsabilità è di un’intera nazione. Tutto questo parlare di civili che non sapevano nulla e non erano coinvolti. non disponibile” – Yoav Galant, Ministro della Difesa – “Hai alzato tutti i limiti (…). Combattiamo gli animali umani (…). Distruggeremo tutto. » Perle di saggezza “Disumanizzare una persona” Il Sudafrica durante i dibattimenti tenutisi all'Aja l'11 e 12 gennaio.

READ  les opérations de secours sur le terrain se sont encore intensificatiées dans la soirée

Pretoria ottiene dai palestinesi il “riconoscimento eterno”.

Hai il 65% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.