Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La casa di cura sostituirà il vecchio ospedale di Saint-Leonard-du-Noblat

La casa di cura sostituirà il vecchio ospedale di Saint-Leonard-du-Noblat

Sono passati quattro anni da quando questo grande edificio all’angolo di rue Carnot a Saint-Leonard-de-Nobla ha smesso di accogliere il pubblico. Il personale ospedaliero ha lasciato definitivamente l’edificio V120 a causa di: La presenza di amianto nelle sue pareti. Edifici che da allora sono rimasti sfitti, perché Centro Ospedaliero Intercomunale Mont e Parag Mi sono spostato altri 700 metri.

“Il motore V120 risale agli anni ’70. È sicuramente il più nuovo, ma è anche quello che contiene più amianto. Inoltre, dal punto di vista architettonico, non è realmente integrato nel nostro patrimonio”Il sindaco Alain Darbon conferma la giustificazione della scelta di questa demolizione. Questo ottobre l’edificio verrà rimosso, ma invece di lasciare il livello del suolo, la città intende ricostruirvi sopra. Un centro sanitario aprirà nel 2025.

25 operatori sanitari sono già pronti a prepararsi

La nuova struttura sarà Cinque volte più piccolo di un ospedale Ma il punto è Per rivitalizzare la medicina della città.precisa il vicesindaco Alain Pirabot. Venticinque operatori sanitari sono già pronti a stabilirsi lì. “Sono loro che chiedono queste case di cura! Oggi sappiamo molto bene che la medicina liberale sta cambiando e che i giovani medici aspirano a riunirsi in spazi di gruppo. È l’approccio della medicina collaborativa”. Sostiene il sindaco Alain Darbonne.

Cecile, l’infermiera di Saint-Léonard-de-Nobla, lo conferma. “Ne avevamo già parlato diversi anni fa! Non vediamo l’ora di vedere una nuova struttura che soddisfi le nuove esigenze dei residenti.” In pratica, Pascal, in pensione e appena nominato a Saint-Leonard-de-Nobla, è contento della notizia “La casa di riposo me lo permetterà Per evitare di correre a destra e a sinistra.”

READ  Troppo debole, Cyril Gibault teme operatori sanitari non vaccinati

Un progetto da 5 milioni di euro

Per la città era meglio demolire per ricominciare su buone fondamenta, perché riabilitare l’intero edificio era troppo costoso. progetto dopo tutto 5 milioni di euro di cui ha potuto beneficiare Supporto statale Un milione e 115mila euro. Per non parlare degli aiuti del distretto e del dipartimento.

L’unico svantaggio di alcune medicine non convenzionali, come l’osteopatia, è che non trovano posto nella struttura. Cindy, una praticante di shiatsu, la medicina tradizionale cinese, lamenta questa restrizione “Dato che è finanziato dallo Stato, non possiamo trarne beneficio… È un peccato. Un progetto come questo può andare oltre, perché integriamo i praticanti”.

demolizione La sua durata sarà di venti giorni a partire dal 21 settembre. L’inizio dei lavori è previsto per l’inizio del 2024. Il completamento della casa di cura è previsto nel 2025.