Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kinshasa: la settimana della lingua italiana celebrata con proiezioni di film

Questa settimana appena conclusa è dedicata alla celebrazione della lingua italiana nel mondo. Per questo, i festeggiamenti a Kinshasa hanno ruotato intorno a un concerto, una conferenza di insegnanti di lingua italiana e, soprattutto, cinque proiezioni di film.

Dal lunedì al venerdì il pubblico ha diritto a una proiezione gratuita al giorno di un film italiano con sottotitoli in francese presso il Centro Vallone-Bruxelles.

La celebrazione si è svolta all’insegna del tema “Italiani e Giovani”. I film e tutte le attività circostanti sono rivolti a giovani e studenti di lingua italiana. Secondo gli organizzatori, i film proiettati nei 5 giorni avevano un elemento simbolico.

Il primo film ad essere proiettato è un documentario sulla vita e la carriera del compositore italiano Ennio Morricone, vincitore dell’Oscar come miglior compositore.

Seguirono film di fantasia, ma tutti avevano una biografia. Un altro documentario proiettato incentrato sul rapporto e il dialogo tra arte e ricerca scientifica. Il film che si è concluso quella settimana è stato “Power of Rome”, un film sulla capitale d’Italia.

Guidata dall’Ambasciata d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo, la missione dell’iniziativa è migliorare la conoscenza della lingua italiana e rafforzarne l’insegnamento, ha affermato l’Ambasciatore Alberto Petrangeli.

“L’idea è di supportare la conoscenza dell’italiano nelle scuole e università congolesi non solo come lingua ma anche come mezzo professionale. L’italiano è molto importante soprattutto nel campo dell’arte. Soprattutto per i cantanti d’opera. In architettura e design. Permette comunicare con un mondo artistico che può ispirare gli artisti congolesi”, ha concluso. ha detto ad ACTULITÉ.CD durante la cerimonia.

Ha detto di essere stato piacevolmente sorpreso di vedere così tante persone nella Repubblica Democratica del Congo che erano in buona forma e volevano imparare l’italiano. Soprattutto grazie ai padri della Chiesa cattolica educati a Roma, alla buona presenza delle società civili italiane e ai tanti ingegneri italiani che hanno dominato nel tempo nella RDC.

READ  Gaylock. Il mercato italiano mette in mostra la deliziosa cucina della penisola

Durante la settimana è stato organizzato un concerto con l’Ambasciata di Svizzera, Paese con cui l’Italia condivide il patrimonio della lingua italiana. C’è stata anche la prima conferenza degli insegnanti di lingua italiana nella Repubblica Democratica del Congo.

Roma, candidata all’Esposizione Universale 2030

L’Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo ha colto l’occasione per presentare la candidatura della città italiana di Roma all’Expo Mondiale 2030. Il governo italiano lo ha presentato ufficialmente all’Ufficio Esposizioni Internazionali situato a Parigi.

L’idea è di basare questa mostra internazionale sugli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). Come la rigenerazione delle città, l’uso di energie rinnovabili o la gestione dell’acqua. In caso contrario, un tema coerente deve ancora essere deciso, è tempo di trovare qualcosa di importante e condiviso da tutti.

L’Ambasciatore Alberto Petrangeli ha sollevato il fatto che ci sono molte organizzazioni della società civile italiana nella RDC, che operano nel campo dell’istruzione, della sicurezza sociale, dell’alimentazione. A causa dell’inclinazione consolare e della forte inclinazione nel settore artistico.

“Quest’anno abbiamo sostenuto principalmente le arti visive alla Biennale d’Arte di Milano, incluso il Padiglione del Congo. Abbiamo sostenuto la mostra di Sami Baloji a Firenze e la Biennale delle Arti di Lubumbashi. L’anno prossimo lavoreremo molto di più sulla musica. “Faremo un progetto con l’INA per riportare in vita artisti italiani e formare artisti congolesi”, ha aggiunto.

Emanuele Kuzamba