Dicembre 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Focus su Andrea Pirlo, l’elegante regista italiano — Foot11.com

Andrea Pirlo, Calcio in pelle

Andrea Pirlo è nato il 19 maggio 1979 a Flero, provincia di Brescia. La città del nord Italia avrebbe visto il giovane Andrea colpire la palla in tenera età fino a quando non è entrato a far parte del City club a metà degli anni ’90. Il Brescia è il giocatore più giovane della storia a giocare in élite a sedici anni e due giorni.

Passato da Inter e Regina (in prestito), Pirlo avrà la possibilità di giocare al fianco del suo idolo Roberto Baggio nell’ultima stagione in prestito al Brescia. Ma soprattutto è al Milan che il trequartista darà tutto il suo talento. Trasferitosi al club lombardo nell’estate del 2001, Andrea Pirlo trascorrerà un intero decennio al Milan.

Il numero 21 è uno dei migliori talenti del Milan, di cui è il metronomo. Circondato dal “Rhino” Gattuso, dal poliedrico Clarence Seedorf e dall’acceleratore di particelle che era Kaká, Pirlo ha aiutato il Milan a vincere numerosi trofei: lo Scudetto nel 2004 e 2011, la Champions League nel 2003 e 2007 e la Coppa Italia in Super 2003 Italia. 2004 e 2011.

Andrea Pirlo ha vinto diversi trofei con il Milan, tra cui la Champions League nel 2007 (Ikon Sport)
Andrea Pirlo ha vinto diversi trofei con il Milan, tra cui la Champions League nel 2007 (Ikon Sport)

Il 2011 è stato l’ultimo anno dell’elegante centrocampista italiano al Milan. Massimiliano Allegri non contava su di lui e gli infortuni hanno afflitto la sua ultima stagione in rossonero. Nonostante i servizi resi e il curriculum del nazionale italiano, Pirlo è stato rilasciato dal Milan. Un vantaggio per la Juventus per essersi affrettata a ingaggiare uno dei migliori giocatori in campo avversaria.

La seconda giovinezza nella vecchia signora

Andrea Pirlo ha trascorso solo quattro stagioni alla Juventus, ma lì ha avuto un enorme successo. Quattro scudetti sono stati le sue armi principali in un decennio di dominio bianconero. Anche se è adulto Juve (31), la sentinella torinese era una parte fondamentale dell’apparato di Antonio Conte.

READ  Arriva a Bruxelles un nuovo concetto di brunch italiano

Nonostante i suoi bei anni al Milan, Andrea Pirlo ha senza dubbio più rispetto alla Juve. I tifosi sono ipnotizzati quanto il pubblico. Pirlo è stato giudicato il miglior giocatore Siri A Nel 2012, 2013 e 2014. Solo la Champions è sfuggita a Pirlo e Torino, perdendo in finale nel 2015. L’ultimo anno di Bresciano in Italia lo vedrà cimentarsi nella MLS. Il centrocampista ha finalmente appeso i ramponi al chiodo dopo due stagioni con il New York City FC.

Schierato come portiere, Pirlo ha deliziato la sua squadra e gli allenatori (Icon Sport)
Schierato come portiere, Pirlo ha deliziato la sua squadra e gli allenatori (Icon Sport)

Oltre ai trofei di club, ha vinto la nazionale italiana (116 presenze, 13 gol). Coppa del Mondo 2006. Euro 2012 lo ha visto scappare per un soffio, battuto dall’allora invincibile Spagna. Pirlo ha partecipato a diverse campagne di selezione dove ha ispirato molti giocatori e giovani tifosi italiani.

Registro per eccellenza

Torna indietro per andare avanti meglio. Questa potrebbe essere la convinzione di qualcuno che ha iniziato come giocatore: dentro o fuori dal campo, il cosiddetto “architetto” è un cervello. Presto Pirlo ha imparato che poteva sfruttare le sue qualità con meno gioco. Non è il più veloce, il più fisico, il più in grado di rimbalzare o segnare, ma la sua visione del gioco e il suo senso del passaggio lo rendono un formidabile tattico.

Andrea Pirlo Questo trequartista, che si sviluppa in una posizione più distante, rappresenta l’archetipo del regista. Altri come Marco Verratti o Sandro Donali hanno seguito l’esempio. Oltre a queste doti, il maestro transalpino è forte su punizione. Ha registrato un totale di 46 per club e selezione. Vari traguardi gli hanno permesso di entrare nella Hall of Fame del calcio italiano nel maggio 2022.

READ  Boire an express, art o live binario italiano protetto per l'Unesco?

Quello che ricordiamo in particolare di Pirlo è una sorta di nonchalance unita ad eleganza e arguzia. Dietro il suo viso spesso chiuso e cupo, l’uomo ora 43enne ha illuminato il gioco e ha fatto brillare la sua gente. Qualità che ora cerca di mettere al servizio della sua carriera di allenatore. Andrea Pirlo è attualmente l’allenatore della Turchia Fatih Karakumruk SK. Un’esperienza che gli permette di dimenticare il suo periodo sulla panchina della Juventus.