Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kevin Costner ha ipotecato la sua proprietà per mostrare il suo film a Cannes

L’attore ha detto all’AFP: “Nessuno (a Hollywood) era entusiasta di fare questi film. Hanno detto: ‘Facciamone uno e vediamo come va. Nessuno ne sta facendo nemmeno due, Kevin. Perché farli? -tu quattro?’ ” Un regista che ha lasciato il segno nel film “Balla coi lupi” del 1990.

“Così ad un certo punto ho detto: ok, farò da solo. Ho ipotecato il mio immobile, ho raccolto i soldi. Non ci sono più scuse, queste sono le mie decisioni. Se non ti piace, devi farlo .” Può venire a lamentarsi con me.”

Selena Gomez viene fischiata al Festival di Cannes

Secondo la stampa americana, il budget del film, presentato fuori concorso al Festival di Cannes, ammontava a 100 milioni di dollari.

Per “Megalopolis”, un film che divise nettamente la critica tra un successo e un flop, Francis Ford Coppola vendette la sua proprietà per ben 120 milioni di dollari.

Costner torna all’“avventura” del suo “folle” progetto: “Ho iniziato la sceneggiatura nel 1988. Doveva essere completata nel 2003. Ma all’ultimo minuto, lo studio non la voleva più, ed era davvero frustrante perché +. Da implementare nel 2003. “Open Range+ (il western da lui diretto, uscito lo stesso anno, ndr) è andato molto bene”.

“Intruso”

“Sono un po’ strano e non so esattamente perché,” ha chiesto il cantante 69enne di “JFK”. “Forse è perché non voglio che le persone manipolino la storia che voglio raccontare, e sono disposto a prendere posizione e dire di no.”

È stato coinvolto in diversi western come attore e/o regista (“Silverado”, “Wyatt Earp” o “Open Range”), e l’americano ha detto di essere “molto entusiasta di poter venire a Cannes”.

READ  YouTube EnjoyPhoenix ha vissuto un incubo sugli sci: "Sono scioccato"

“Forse mi ha aiutato (vedere) che ci fosse un posto del genere nei programmi di questo fine settimana. Sognavo di venire qui e portare il mio film (…) Sono molto felice che Cannes abbia mantenuto le sue tradizioni e che io abbia avuto l’opportunità.” Essere parte di loro.

L’uomo, che nelle scene del film si vede tenere in mano un fucile, ha commentato: “Siamo una nazione di armi e fin dall’inizio abbiamo deciso tutto con le armi”.

Costner ha finalmente dimostrato il suo impegno nel ritrarre i nativi americani “correttamente” nel cinema, aggiungendo che durante la conquista dell’Occidente, questi popoli purtroppo sono stati “semplicemente cancellati”.

Anche Rachida Dati, ministro francese della Cultura, gli ha consegnato domenica a Cannes il distintivo di Ufficiale delle Arti e delle Lettere.