Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kelly presenta denuncia contro il carcere dove è stato imprigionato per reati sessuali: “Punizione crudele e insolita”

Kelly, la star dell’R&B americana caduta, è stata condannata mercoledì scorso a 30 anni di carcere dopo essere stata condannata per anni di gestione di un sistema di sfruttamento sessuale di giovani, comprese le adolescenti.

Ora sta scontando la pena nella prigione di Brooklyn, New York, ma si lamenta già delle condizioni della sua detenzione. Tanto che l’ex star ha sporto denuncia contro il carcere in cui era rinchiuso. Per il cantante, le condizioni a cui è sottoposto costituiscono una “punizione crudele e insolita”.

R. Kelly è stato posto sotto maggiore sorveglianza in un’ala specifica della prigione a causa della sua fama. Ma sente che i suoi diritti non vengono più rispettati perché “non ha tendenze suicide e ha apertamente detto ai funzionari del Brooklyn Detention Center che non ha alcuna intenzione di fare del male a se stesso o ad altri”, ha riferito il media statunitense TMZ, che è riuscito a ottenere un rimostranza.

Traduttore Penso di poter volare Sarebbero tenuti in una cella, senza ringhiera, senza doccia, senza alci e senza carta igienica. Fu costretto a consumare i pasti senza posate. Attraverso la sua denuncia, R. Kelly spera in riparazioni per il suo “stress emotivo, umiliazione, dolore e sofferenza”.

READ  Migliore la prestazione di Pascal Obispo ma...