Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kanzi, la mela belga che ha conquistato il mondo: “Voglia dei consumatori di acquistare in modo sostenibile”

Le mele sono tradizionalmente il frutto preferito dei belgi, a volte precedute dalle banane, che sono più esotiche e devono attraversare gli oceani soprattutto per raggiungere il consumatore belga.

Ci sono molti tipi di mele. La varietà più coltivata in Belgio è Jonagold, poiché i consumatori amano mangiare al massimo. È anche sua sorella minore, Jonagored. Ancora Boskoop, Cox o Elstar.

Poi c’è l’ultima, la mela Kanzi, frutto di un sapiente incrocio tra Gala e Braeburn. Il suo nome significa “tesoro nascosto” in swahili.

Scoperto nel 1992

Non è il più popolare tra i consumatori perché non lo troverai in tutti i principali rivenditori: tuttavia è disponibile presso Carrefour, Delhi e Lidl.

Se la mela Kanzi viene prodotta in tredici paesi, è di qui. “Questo nuovo tipo di mela è stato scoperto in Belgio nel 1992. Dopo anni di test e raffinazione, il primo raccolto commerciale è stato ottenuto nel 2004 e il marchio Kanzi è stato venduto per la prima volta nei supermercati nel 2005.”, spiega il marchio Kanzi.

La produzione annua belga è di circa 4.000 tonnellate, la stragrande maggioranza delle quali è destinata al mercato interno, anche se la mela si sta dirigendo verso i paesi vicini e persino l’Arabia Saudita. Un albero equilibrato produce da 100 a 120 mele ogni stagione.

Nel 2021, il volume totale del raccolto ha raggiunto le 50.000 tonnellate, rendendo Kanzi uno dei principali marchi di mele, afferma il marchio.

Gustoso

I produttori belgi, tramite la cooperativa BelOrta di oltre mille, hanno deciso di esporre questa mela, proprio per informare i consumatori che non proviene da terre lontane.

READ  Il governo accetta di riformare i contributi degli atleti professionisti, e questa misura dovrebbe portare 30 milioni allo Stato

“Il desiderio dei consumatori è quello di acquistare in modo sostenibile, quindi siamo felici di dare una mano a campagne che promuovono la qualità locale.Soleen Glenn Seabrights, Direttore del marketing.

La domanda più importante per il consumatore, al di là delle considerazioni di sostenibilità, rimane: è buono? È bellissimo… delizioso. Viene venduto anche a Delhaize a circa 4 euro al chilo.