Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Iron Eyes Cody, “l’indiano preferito d’America”, il portavoce dei Cherokee era in realtà… italiano

“Iron Eyes Cody” è stato nominato “l’indiano preferito d’America”. Unico problema: è italiano, non indiano.
Attore popolare nei western, Iron Ice Cody è diventato un portavoce della cultura dei nativi americani, è stato uno dei primi volti della causa ambientalista in televisione e ha scoperto una falsa identità allo stesso tempo.

Anne Garrait-Bourrier, professoressa di civiltà americana, afferma: “Era alla fine di un processo, certamente una ridistribuzione culturale, ma un processo così militante e politico”. Nelle sue memorie, l’attore afferma di essere nato Oscar Cody nel 1904, soprannominato “Little Eagle”, da padre Cherokee e madre Cree Nation.

Minoranze escluse da Hollywood

È apparso per la prima volta al cinema nel 1926 e ha continuato a interpretare ruoli dei nativi americani per 60 anni, spesso in modo stereotipato, poiché i nativi americani non avevano posto nell’industria cinematografica. “Paga un uomo bianco per fare ‘RRR’ e gli metti tre piume, e va bene. Questo è quello che ha fatto John Ford nei suoi migliori western, in più ha usato tutti gli stereotipi, dall’indiano assetato di sangue al buon indiano. Ricorda Anne Garrait-Bourrier.

Nel 1948 menziona per la prima volta il suo nome. È nata una leggenda. Iron Eyes Cody sta diventando il volto indiano più familiare nelle case americane, incorporando personaggi storici del cinema come Chief Crazy Horse. Fuori dallo schermo, l’attore si ritrae come un vero nativo americano. Agisce come portavoce della comunità, spiegando le usanze Cherokee insieme all’insegnamento. Si incontra con il presidente Jimmy Carter nello Studio Ovale.

Iron Eyes Cody sposò Bertha Parker Nel 1971, uno spot pubblicitario approdò sugli schermi televisivi. Prima che l’attore guardi la telecamera, il suo viso ha le lacrime agli occhi e guada la spazzatura e la spazzatura scartata. Anne Garrait-Bourrier riassume: “Queste lacrime, spesso indicate come un volto molto omogeneo e una forza tranquilla, hanno cambiato molte cose nella rappresentazione e nella visione americana. Rivela davvero la colpa nazionale”.

Nativi americani, anche se attivisti verdi

Lo spot ancora i nativi americani nell’immaginario come protettori dell’ambiente, in un momento in cui i nativi americani sono politicizzati e iniziano a occupare spazi simbolici. “Non sono ecologisti e il loro stile di vita non è politico. Il loro stile di vita è animista, che è il loro patrimonio culturale e naturaleAnne Garrait-Bourrier spiega. Quindi questa è la riallocazione. Pensiamo di conoscerli, li associamo all’ecologia. Proteggono luoghi sacri, noi associamo luogo sacro, terra, natura sacra = verde. Ma non è così. Questi sono i siti dove vogliono praticare la loro fede. Quindi ci sono solo malintesi. Rivogliono indietro la loro terra perché questo è il problema”.

Ma nel 1996 un quotidiano americano svelò l’inganno: Espera Oscar De Corti nacque da genitori immigrati siciliani e si stabilì in Louisiana. L’attore ha negato questo fino alla sua morte nel 1999 all’età di 94 anni, nonostante le prove e la testimonianza di sua sorella. Secondo alcuni giornalisti, Cody si è identificato con la causa dei nativi americani perché ha sperimentato il razzismo anti-italiano all’inizio del XX secolo.

Nonostante questa bugia, alcune associazioni di nativi americani continuano a sostenere l’attore. Apprezzano il suo contributo nel riconoscere la loro cultura e “indipendentemente dalla sua vera origine”. Anne Garrait-Bourrier analizza: “I Cherokee, ha detto, sono una nazione inclusiva, anche se non nasci Cherokee, ma se vivi con gli elementi culturali della Nazione Cherokee, puoi essere assimilato e accettato dal Consiglio Tribale”.

Nel 2019, l’attore Wes Studi, che è di origine Cherokee, è diventato il primo attore nativo americano a vincere un Oscar nel 1929. Eppure i nativi americani sono spesso sottorappresentati sullo schermo.

READ  Google ha denunciato il software italiano utilizzato per spiare gli smartphone