Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Inchiesta: energia rinnovabile vietata in Vallonia perché i certificati verdi “non sono più redditizi”

Inchiesta: energia rinnovabile vietata in Vallonia perché i certificati verdi “non sono più redditizi”

È una storia belga che sta interessando attualmente il settore delle energie rinnovabili. Questo settore, fondamentale per garantire la transizione energetica, vive attualmente una frenata di emergenza, perché il sistema di certificazione green è sottovalutato. Le conseguenze furono disastrose: i nuovi progetti rimasero in fase di stallo per quasi un anno. Abbiamo incontrato il contadino Michel Warzet per iniziare la decodificazione.

Michel è anche un produttore di biogas. Le sue strutture sono in grado di convertire materiali organici, come i rifiuti verdi, in elettricità. Un dispositivo sviluppato da Michel per soddisfare il fabbisogno energetico della sua azienda agricola. In totale, rifornisce due siti completi, reimmettendo nella rete il 60% della sua produzione. Questo processo di biometanazione ha successo ed interessa anche altre aziende agricole.

Tuttavia, al momento, è impossibile svilupparlo nuovo Progetti. “Questa è una soluzione molto interessante, ma siamo legati al sistema di certificazione green. Dall’inizio del 2023 questi certificati verdi sono rimasti sospesi, quindi non esiste più alcuna garanzia. Senza garanzia l’installazione non è redditizia“, ci racconta l’agricoltore (e produttore di energia rinnovabile).

Come funzionano i certificati verdi?

La Regione Vallonia emette certificati (certificati verdi, o CV), che garantiscono la fonte verde (rinnovabile) di elettricità. Questo di solito non gli costa nulla: i produttori di questa energia, come Michel, rivendono i loro certificati verdi ai fornitori di elettricità, che possono così ottenere la loro parte della produzione verde. Ma la Vallonia lavora “per busta”, per garantire che il sistema non venga sopraffatto e per garantire che i fornitori di elettricità comprino effettivamente i curriculum di produttori come Michel. Questo, senza dubbio, per evitare il baratro finanziario dei certificati verdi dei pannelli solari privati, dato che la Regione dovette mettere le mani in tasca circa dieci anni fa per compensare i CV non rimborsabili.

READ  Neuralink, l'impianto cerebrale di Elon Musk, raggiunge il cervello umano - Libération

Queste buste non corrispondono più al numero di nuovi progetti (Il distretto parla di prenotazioni e buste sul suo sito). Risultato tangibile: “Coloro che vogliono entrare nel biometano, diciamo di farlo “Non farlo, non è redditizio e ora non potrai rivendere i tuoi certificati verdi.”. Quindi, in realtà, al momento non fanno nulla per aiutarci a produrre la nostra energia“, conclude Michel.

Edizione per abbonati digitali

Da diversi anni il sistema di certificazione verde non viene più applicato ai progetti privati. Le buste in questione riguardano l’energia eolica, fotovoltaica e la produzione di biogas, tutte destinate alle aziende. L’attuale carenza porta al blocco di 483 pratiche e 701.000 certificati verdi, che corrisponderebbero alla produzione di energia verde di circa 100.000 famiglie (250.000 persone). Insomma: i nuovi progetti sono quelli banditi, e gli impianti esistenti vengono ancora finanziati attraverso la rivendita dei certificati verdi. Parliamo quindi più di una mancanza di entrate, che è una situazione spiacevole nel contesto della trasformazione economica.

Conferma con un esperto: “Un certo numero di progetti che hanno ottenuto l’autorizzazione non possono essere realizzati, sono in lista d’attesa. Ciò rallenterà lo sviluppo delle energie rinnovabili in Vallonia.” Lo afferma Fawaz Al-Bitar, direttore dell’Unione delle energie rinnovabili “Edora”.

READ  Prix ​​​​de l'énergie: les panneaux solaires sont-ils sinonimo di bonne affaire?
-->

Cosa dice il politico?

È chiaro che le dotazioni attuali non corrispondono più alla realtà del settore in via di sviluppo. La regione Vallonia vuole aumentare la propria produzione verde dal 23 al 29% entro il 2030. Un nuovo decreto del governo vallone è ora in preparazione per colmare le lacune. “Si è dovuto tenere conto della crisi dei prezzi dell’energia, che ha portato ad una revisione completa dei conti in diversi settori. Ora le cose si sono stabilizzate e il dossier è stato esaminato a fondo, quindi lo sottoporrò presto al governo, in modo che possiamo approvare le nuove buste di certificati verdi”.Philippe Henry, ministro dell’Energia, ha spiegato il colore verde.

Pertanto, il governo vallone si rammarica dell’attesa imposta a queste centinaia di dossier e conta ancora su queste aziende per riuscire nella sfida della transizione energetica.