Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In un tweet, Viktor Orban si fa beffe dello scandalo di corruzione che ha colpito il Parlamento europeo

Il suo account Twitter si chiamava “Benvenuti al Parlamento europeo!”.

“Là hanno detto che erano molto preoccupati per la corruzione in Ungheria”, ha detto sarcasticamente in una lettera allegata a una foto del 1981 degli ex presidenti degli Stati Uniti Ronald Reagan e George Bush, ridendo a crepapelle.

Lo scoop del leader nazionalista arriva in un momento in cui l’Ungheria rischia di congelare diversi miliardi di euro di fondi Ue, per riforme ritenute insufficienti a combattere la corruzione.

Il Parlamento è in prima linea in questo e invita regolarmente la Commissione a essere risoluta.

In questo contesto, venerdì Bruxelles ha mantenuto la sua raccomandazione di fermare i 7,5 miliardi di dollari. Spetta agli Stati membri decidere entro il 19 dicembre di approvare o respingere questa proposta o adeguare l’importo.

L’esecutivo europeo, che qualche settimana prima aveva comunque favorito un approccio conciliante nei confronti dell’Ungheria, si era piegato alle “enormi pressioni politiche” del Parlamento di Strasburgo, da poco governato a Budapest, che esulta quindi per le notizie del fine settimana.

Vicepresidente della Hellenic Socialist Foundation, Eva Kailiaccusato di “corruzione” e imprigionato domenica a Bruxelles, in un’inchiesta con un giudice belga relativa a ingenti pagamenti che il Qatar avrebbe effettuato per influenzare le decisioni.

“In breve, il gruppo dell’Alleanza progressista ha inventato bugie sulla corruzione in Ungheria per anni, e ora il loro prestanome… è coinvolto nel più grande scandalo della storia dell’Ungheria”, ha commentato Balazs Hedvigi, eurodeputato del partito di Orbán. su Twitter. “Un buon esempio di ipocrisia”, ha criticato.