Ottobre 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Saclay, l’insegnante che forma professionisti di intelligenza artificiale d’élite

Queste sono tre lettere che significano una promessa: essere classificato come generoso in “matematica applicata” (matematica applicata) e intelligenza artificiale (AI). Il MVA, un master in “Matematica della visione e dell’apprendimento”, è un must per la formazione in intelligenza artificiale. I piccoli esperti di ecosistemi di intelligenza artificiale parlano di a “riferimento”o anche un file “Strada Reale”. Le richieste avanzano, i giganti digitali corteggiano i loro laureati e c’è un debole segnale che il potere di formazione è in aumento: le aziende che vogliono partecipare al Master’s Training Forum sono ora alle prese, secondo i responsabili della formazione, per un biglietto d’ingresso — e il tentazione di questo gruppo ad alto potenziale.

come famoso Laurea Magistrale in Probabilità e Finanza (organizzato congiuntamente dall’Università della Sorbona e dall’École Polytechnique), soprannominato “Al Karoui” dal matematico Nicole Karoui Che forma famosi analisti quantitativi quanti In città, MVA ha una forte immagine di marca. Creato da un matematico nel 1996 Robert AzenkotGuidato dal Dipartimento di Matematica dell’Ecole Normale Supérieure (ENS) Paris-Saclay, in collaborazione con diverse famose istituzioni dell’altopiano del Saclay e due importanti università della regione parigina, questo eclettico insegnante forma gli studenti in “teoria, modellizzazione, algoritmi e realtà applicazioni su data science e intelligenza artificiale”. In altre parole, profili d’oro, capaci di partecipare alla rivoluzione dell’IA.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Il signor French domina un posto nella finanza globale

All’inizio degli anni 2000, una cinquantina di studenti hanno seguito l’MVA. A metà degli anni 2010, la crescita delle opportunità per i data scientist aziendali, unita all’esaurimento dell’intero settore finanziario dopo la crisi dei mutui, ha spostato il baricentro dalla matematica applicata alla statistica. Ciò si traduce in uno shock della domanda di formazione sull’IA. “Siamo passati da 50 a 100 e poi a 200 studenti in formazione ogni anno. Il che è assolutamente fuori dall’ordinario per un Master 2 in Ricerca”, Spiega Nicholas Vaatis, Istruttore Principale e Professore all’ENS Paris-Sclay e Direttore Centro Borelli. Anche il numero dei corsi è aumentato, passando da 24 a 47 e richiedendo la nomina di docenti di ricerca tra i migliori specialisti nei vari rami dell’intelligenza artificiale. “La specificità di questo insegnante è la formazione di matematici nella scienza dei dati digitali su casi d’uso concreti”, Presentazioni per Nicholas Vaatis.

READ  Fede. Omaggio a Brigitte Gulske, l'insegnante "molto rispettata".

Hai ancora il 74,09% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.