Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Decode – I diritti delle persone LGBTQIA+ sono garantiti in Belgio? “C’è un divario tra politica e società”

Decode – I diritti delle persone LGBTQIA+ sono garantiti in Belgio?  “C’è un divario tra politica e società”

Anche se il Belgio ottiene un buon punteggio nel complesso, rispetto alla media europea, il nostro Paese rientra nella classifica europea per i diritti LGBTQIA+. Ogni anno ILGA-Europe, l’organizzazione ombrello delle associazioni LGBTI+ europee, pubblica il suo rapporto “Mappa arcobalenoPer misurare la situazione in Europa.

49 paesi europei ricevono un punteggio su 100, in base ai diritti delle persone LGBTQIA+. Mentre nel 2023 il Belgio è tra questi Secondo postoQuest’anno il nostro Paese sta cadendo Terzo posto con 78 punti.

Malta è in cima alla lista per il nono anno consecutivo. Con 83 punti, l’Islanda è salita al secondo posto, guadagnando tre posizioni grazie alla nuova legislazione.

I tre paesi nella parte inferiore della mappa arcobaleno sono Russia, Azerbaigian e Turchia.

Bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno, ma anche mezzo vuoto.

Per Jean-François Cano, coordinatore di Rainbow House (un gruppo di associazioni LGBTQIA di lingua francese e olandese), queste classificazioni devono essere precise: “Dobbiamo chiederci: chi è il predecessore? Questi sono i gruppi politici che hanno reso possibile il voto a favore dell’adozione o addirittura del matrimonio tra persone dello stesso sesso. Ma quando analizziamo la popolazione, non è la stessa cosa. Esiste un divario crescente tra il progresso politico e la mentalità della società belga.

Nonostante la sua designazione, il Belgio rimane un paese liberale per quanto riguarda i diritti delle persone LGBT e continua a fare progressi in molti settori. Il nostro Paese ha recentemente vietato le pratiche di conversione. Si tratta di trattamenti presumibilmente mirati a cambiare l’orientamento sessuale delle persone LGBTQIA+. La nuova legislazione belga prevede che si tratti di un reato penale.

READ  La guerra in Ucraina: attacchi mortali russi dopo l'esplosione del ponte in Crimea

Per Jean-François Cano, coordinatore di Rainbow House (un gruppo di associazioni LGBTQIA di lingua francese e olandese), altre sfide emergeranno nei prossimi anni: “Il divieto dei commenti anti-gay dovrebbe essere esplicitamente incluso nella Costituzione, con particolare attenzione alla discriminazione online. Esprimere odio online è un grosso problema. I casi di razzismo e xenofobia sono riconosciuti come reati giornalistici e non dovrebbero più essere portati davanti a un tribunale penale. I commenti razzisti o sessisti possono essere perseguiti penalmente. D’altronde, per tutto ciò che riguarda l’omofobia, è ancora considerato un reato giornalistico e quindi soggetto a trattamenti e procedure molto lunghe. Questa distinzione è davvero una discriminazione.

Altro problema, altro problema Persone non binarie e trans: “Se consideriamo, oggi, che gay e lesbiche godono di pari diritti civili e familiari per le persone transgender, non è affatto così. Nel nostro Paese esiste una legge che specifica per le persone transgender il trattamento medico e psicologico o il cambiamento dello stato civile. Ma ci sono ancora molte zone grigie, ad esempio le persone intersessuali che non vogliono o non possono scegliere. “Abbiamo ancora molta strada da fare, mentre altri paesi sono più avanzati in termini di diritti individuali, civili e sociali di tutte queste persone”. In effetti, alcuni paesi come Cuba o il Nepal accettano l’idea di un “terzo genere” nei documenti di stato civile.

Sì, puoi essere un ragazzo e indossare lo smalto e indossare una gonna

Ma l’aspetto legislativo non risolve tutto: “C’è anche prevenzione ed educazione, soprattutto tra i giovani. Dobbiamo normalizzare le diverse espressioni e relazioni di genere. Al momento i progressi ci sono ma non sono sufficienti. Abbiamo visto con EVRAS (Educazione alla vita relazionale, emotiva e sessuale) che c’è ancora una certa riluttanza ad affrontare queste dimensioni. Andando avanti, dobbiamo consentire ai giovani di partecipare allo sviluppo della società. Sì, puoi essere un ragazzo e indossare lo smalto e indossare una gonna. Dobbiamo definitivamente allontanarci dal quadro binario, nel quale molte persone non si trovano. Dobbiamo solo consentire la libera espressione delle diverse identità..

READ  Sale la tensione a Nanterre dopo che un 17enne è stato ucciso da colpi di arma da fuoco della polizia (VIDEO)