Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il telescopio James Webb ha osservato le galassie a spirale come mai prima d'ora

Il telescopio James Webb ha osservato le galassie a spirale come mai prima d'ora

Diciannove immagini pubblicate il 29 gennaio mostrano galassie a spirale dalla forma unica, come la nostra Via Lattea.

pubblicato


Tempo di lettura: 5 minuti

Un mosaico di 19 galassie a spirale osservato dal telescopio James Webb e pubblicato il 29 gennaio 2024. (NASA/ESA/CSA/STSCI/J. LEE(STSCI)/T. WILLIAMS(OXFORD))

Ipnotico e interessante, ti farà girare la testa. Lunedì 29 gennaio l'Agenzia spaziale europea ha pubblicato 19 immagini di galassie a spirale.Agenzia spaziale europea) e americano (NASA). Sono stati realizzati utilizzando gli strumenti del James Webb Telescope (JWST), il telescopio più potente mai progettato. La forma a spirale è abbastanza comune per le galassie: secondo le stime, è così per circa il 60% di esse. La nostra galassia, la Via Lattea, ne è un esempio.

In queste immagini, le stelle brillano di blu e le sfumature di arancione e rosso corrispondono alla polvere attorno alle stelle e tra le stelle. France Info ha intervistato diversi scienziati per comprendere meglio ciò che è stato osservato e fotografato.

Galassia fantasma (NGC 628)

Situata a circa 32 milioni di anni luce di distanza nella costellazione dei Pesci, questa galassia (chiamata anche NGC 628 o M74) è già stata osservata da James Webb, portando alla pubblicazione di un'immagine nell'agosto 2022. Hubble (in luce visibile) e Spitzer (nell'infrarosso) ha già scansionato molte galassie, inclusa questa, ma gli strumenti del telescopio spaziale James Webb forniscono dettagli sorprendenti.

La galassia NGC 628, chiamata anche M74 e soprannominata la galassia fantasma, è vista dagli strumenti del James Webb Telescope, in un'immagine pubblicata il 29 gennaio 2024. (NASA / ESA / CSA / STSCI / J. LEE (STSCI) / T.Williams (Oxford ))

Queste immagini sono “Sorprendente anche per i ricercatori che hanno studiato queste galassie per decenni”.Ha commentato Janice Lee, scienziata dello Space Telescope Science Institute di Baltimora (USA). Ma Annie Hughes, membro di Il progetto Phangs (High Angle Risoluzione Physics in Near Galaxies), che monitora 90 grandi galassie che formano stelle, ha un posto in prima fila per studiare queste nuove immagini: “Conosciamo queste cose, conosciamo il potere di James Webb, è in lavorazione da decenni. Ma quando sono arrivate le foto, abbiamo ancora detto: 'Wow!'

Il telescopio James Webb opera in una registrazione che ci permette di osservare in modo specifico le prime fasi della formazione stellare. Questi momenti di giovinezza, che hanno origine in vaste nubi di gas e polvere, sono solitamente mascherati. Ma gli strumenti del telescopio spaziale James Webb ci permettono di scrutare ciò che normalmente sfuggirebbe alla nostra vista. “Quando guardiamo il visibile, la polvere assorbe la luce. Poi vediamo bande scure. Ma questa polvere emette nell'infrarosso, e con James Webb [spécialisé dans l’infrarouge], “Possiamo davvero vedere queste strutture di polvere e gas”.commenta l'astrofisico Eric Lagadec.

“Vediamo filamenti contenenti gas e polvere. Vediamo anche buchi: dove sono esplose le stelle.”

Eric Lagadec, astrofisico

In Francia Informazioni

In generale, esistono due tipi principali di galassie a spirale, L'astrofisica Françoise Coombes ha presentato al Collège de France nel 2017 : IL “Ottimo disegno”che presenta forme regolari, con “Bracci a spirale che si estendono dal centro al bordo”e il “Casuale”, Chi presenterà? “Piccoli pezzi di bracci a spirale.”Ma senza una struttura coesa.

Alla prima famiglia appartiene la galassia fantasma, caratterizzata da grande regolarità e forte simmetria. IL “un oggetto” Dalla galassia NGC 628, che potrebbe emozionare “allacciarmi le scarpe” Secondo Annie Hughes, è legato al modo in cui si comportano le giovani stelle e alla struttura del loro ambiente, in particolare ai gas che le circondano.

Tra le 19 immagini della galassia evidenziate, spicca con grande regolarità NGC 4254 (chiamata anche M99), situata nella costellazione della Lepre di Berenice, a 50 milioni di anni luce dalla Terra.

Galassia NGC 4254 (chiamata anche M99), situata nella costellazione di Berenice, a 50 milioni di anni luce dalla Terra, vista con gli strumenti del James Webb Telescope, in un'immagine pubblicata il 29 gennaio 2024. (SPACE TELESCOPE SCIENCE INSTITUT / ESA /Webb)

La (luminosissima) galassia NGC 1087

Lo schema della galassia NGC 1087, situata nella costellazione dei Pesci, a 80 milioni di anni luce di distanza, è meno regolare di quello della galassia Fantasma. Ma Annie Hughes sottolinea che i nostri occhi sono irrimediabilmente attratti dallo splendore del suo cuore.

La galassia NGC1087 vista dagli strumenti del James Webb Telescope, in un'immagine rilasciata il 29 gennaio 2024. (NASA / ESA / CSA / STSCI / J. LEE (STSCI) / T. WILLIAMS (OXFORD))

Questa luminosità, secondo lei, è legata all'attività derivante dal massiccio buco nero situato al centro di questa galassia. La luminosità potrebbe essere causata da due cose: o c'era troppa materia, oppure era fortemente riscaldata mentre la materia si spostava dal nucleo della galassia al buco nero.

Lo schema a spirale è facile da riconoscere nelle immagini seguenti, anch'esse scattate nell'ambito del progetto Phangs, ma realizzate con gli strumenti del Very Large Telescope dell'Osservatorio Europeo Australe (ESO), situato nel deserto di Atacama, in Cile.

Galassie a spirale barrate (come NGC 3351 e NGC 1512)

La galassia NGC 3351 si trova nella costellazione del Leone, a 33 milioni di anni luce dalla Terra, ed è una galassia a spirale. Più precisamente una galassia spirale barrata. Una sottofamiglia di cui fa parte la Via Lattea. I bracci a spirale non partono direttamente dal centro della galassia, ma da una barra che ne attraversa il centro.

La galassia NGC 3351 vista dagli strumenti del James Webb Telescope, in un'immagine rilasciata il 29 gennaio 2024. (NASA / ESA / CSA / STSCI / J. LEE (STSCI) / T. WILLIAMS (OXFORD))

Nell'immagine sopra, questa barra appare blu, evidenziando la presenza di un gruppo di stelle centrato attorno al centro galattico. Annie Hughes nota che queste stelle hanno la stessa età e caratteristiche diverse rispetto a quelle che si trovano altrove nella galassia.

Dietro l'alone centrale, i filamenti dei bracci di spirale sono intervallati da fori, come è stato osservato in altri casi, come quello della Galassia Fantasma. Nel complesso, lo schema è lo stesso per NGC 1512 (sotto). Quest’altra galassia a spirale barrata si trova nella costellazione dell’Orologio, a circa 30 milioni di anni luce di distanza.

La galassia NGC 1512 vista dagli strumenti del James Webb Telescope, in un'immagine rilasciata il 29 gennaio 2024. (NASA / ESA / CSA / STSCI / J. LEE (STSCI) / T. WILLIAMS (OXFORD))

Se si specializza nell'osservazione di oggetti molto distanti, le novità portate dal James Webb Telescope, in questa sezione sulle galassie a spirale, ci permetteranno di comprendere meglio la formazione stellare.

READ  découvrez si vous êtes une personne têtue en indiquant ce que vous voyez en 1er sur l'image