Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il paleontologo Lee Berger annuncia la scoperta delle più antiche tombe preistoriche

Il paleontologo Lee Berger annuncia la scoperta delle più antiche tombe preistoriche

In posizione embrionale e flesse in cavità sepolte al termine di una rete di anguste gallerie, a una trentina di metri sottoterra, durante gli scavi sono stati rinvenuti in sepolture lontani cugini dell’uomo allo stato fossile. È iniziato nel 2018.

Gli esploratori hanno scoperto che le tombe erano piene di terra scavata inizialmente per formare dei buchi, il che indica che i corpi di queste persone furono sepolti volontariamente.

Queste sono le più antiche sepolture umane mai registrate, che precedono quelle dell’Homo sapiens di almeno 100.000 anni.S”, Affermano in una serie di articoli precedentemente stampati, che devono ancora essere sottoposti a revisione paritaria prima della pubblicazione sulla rivista scientifica eLife.

Gli scavi si sono svolti presso il sito di scavo “Cradle of Humankind”, classificato come patrimonio mondiale dell’UNESCO, a nord-ovest di Johannesburg.

Le sepolture sudafricane risalgono da -200.000 a -300.000 anni fa. Contiene le ossa di Homo naledi, un piccolo umanoide alto circa 1,50 metri.

Questa specie, scoperta nel 2013 dal paleoantropologo americano Lee Berger, è ancora un mistero per gli scienziati.

Questi risultati mostrano che le pratiche funerarie non erano limitate all’Homo sapiens o ad altri esseri umani dal cervello grande.dicono gli scienziati.

READ  Questo martello molecolare potrebbe essere una soluzione contro il cancro